domenica 22 febbraio 2009

The Bigger The God "Variety"






Guarda un pò il Melody Maker che diceva per i cari TBTG: "I could go on. I will go on. Variety is a breathtaking liberty-taking dash through 20 years of pop music. There's five singles on it already, and eight more waiting. it's not a Variety pack, it's a greatest hits-to-be. It's all Coco Pops and no Bran. It's a hit!"
(Mark Luffman, Variety album review, Melody Maker, 9th November 1996.)

Magari è anche per reensioni come queste che il MM ha chiuso baracca, ma io non credo! Questo è un gran disco. Lascivi come i primi Suede, ma concreti come i primi Radiohead e poi con quella voce inconfondibile, quelle melodie....un grande gruppo porca miseria. Che il secondo disco poi sia inascolatbile questo è 1 altro discorso! Qui siamo all'esordio e davvero il pop regna sovrano! (1996 Outdigo Records)

- He broke it off
- She's coming out
- Pentonville
- Shagged
- Twice a week
- Cow
- Three of a kind
- Double deckers
- Miss Pritchard
- Let's pretend we care
- Mum steals boyfriend
- Spiral
- Front page news
- Tina's haircut
- Unbudgeable

THE BIGGER THE GOD

2 commenti:

  1. Questo è uno di quegli album a cui soltanto il tempo e la lodevole operazione di archeologia musicale di qualche cultore, potrà rendere giustizia. Meteore del panorama brit dell'epoca, pubblicarono questa meraviglia passata del tutto inosservata. Non perdetelo!!

    RispondiElimina
  2. Parole sante Andrea!!
    Disco magnifico, ma poi gruppo che con l'album dopo ha cambiato inspiegabilmente rotta. Pensa che non riesco neanche ad arrivare in fondo al disco!! Magari lo posto sul blog, se lo trovo!
    Ciao e grazie.
    Ricky

    RispondiElimina