mercoledì 22 luglio 2009

The Gloria Records "A Lull in Traffic [EP] "








Odio i Radiohead! Vi chiederete perchè inizio con questa frase il post sui Gloria Records del divino Chris Simpson? Beh, ve lo dico subito.
Queste sono le canzoni che avrebbero dovuto fare i Radiohead dono "Ok Computer", invece impazzirono e si misero a comporre un disastro dietro l'altro: dischi dove il guitar pop rock degli esordi scompariva sotto nenie elettroniche, sperimentalismi, noia infinita, chitarre dimenticate e York che geme più che cantare. No, io non ci sto.
Ecco perchè mi misi a cerare qualcuno che potesse rimepire quel vuoto e finalmente le mie orecchie trovarono la pace dei sensi.
I Gloria Records sono i "figli" dei Mineral, avendo al loro interno Jeremy Gomez e Chris Simpson (entrambi appunto nei Mineral), ma il discorso qui è piuttosto lontano dal precedente gruppo. L'entità emotiva, il sentimento devastante, la malinconia, la passione quelle sono le stesse, ve lo assicuro, ma la forma cambia. Aumentano le chitarre acustiche, compare l'elettronica, aumenta anche il tasso di "pop", ma non certo sbarazzino o usa e getta, diciamo che le melodie diventano gioielli che ci abbagliano per intensità e luminosità, sia nelle parti più grintose, sia nei momenti dove la carica malinconica è altissima. E poi c'è questa voce sublime, che entra nel cuore e nell'anima, ve lo assicuro. Da brivido per esecuzione e contenuti così maturi e personali. Si, questo è proprio l'indie pop che avrei voluto sentire dai Radiohead dopo "Ok Computer", un disco molto bello che già conteneva i primi segnali di una sperimentazione che purtroppo il gruppo avrebbe portato all'eccesso, perdendo totalmente un filo che invece i Gloris Records hanno ben saldo in mano. Uno dei miei dischi preferiti di sempre. Ve lo assicuro. (2000 Crank!)


- A Lull In Traffic
- The Arctic Cat
- Tired And Unispired
- Miserere
- A Bye


THE GLORIA RECORS

Nessun commento:

Posta un commento