venerdì 29 maggio 2009

60ft Dolls "The Big 3"



Ed eccoli qui i miei cari 60Ft Dolls. Ho sempre amato questo gruppo. Mi piacevano le loro chitarre sparate, le loro melodie trascinanti, quella faccia da 3 ragazzi duri e tosti ma che in realtà avevano anche un cuore tenero. Insomma, questo disco me lo sono ascoltato per bene e anche adesso, almeno i singoli, fanno ancora avere un bel sussulto.
Sotto un pò di citazioni e recensioni del disco da Wikipedia e una recensione presa da internet, anche se il piatto forte sono le parole spietate di Super Piero Scaruffi, che ovviamente legna duro. (1996 Indolent)

Ps...curiosità, Richard Parfitt è anche lo scopritore di Duffy!!

"60 Ft Dolls e` il nome di un complesso gallese che suona hard-rock melodico con uno stile preso in prestito dai Jam (ovvero reminescente del rhythm and blues bianco degli anni '60). Il chitarrista Richard Parfitt guida il trio di numeri garage-punk che uscirono su singolo e che sono raccolti sull'altrimenti insipido The Big 3 (DGC, 1997): Happy Shopper, N.1 Pure Alcohol e Pig Valentine. Riffs che avete sentito centinaia di volte, ritornelli che sono tanto originali quanto una pizza margherita." (Piero Scaruffi)

".....This was followed by their debut album, The Big 3, which was called "[a]s close to soar-away rock perfection as it's possible to imagine" by the NME[ and "[p]ure, unadulterated, no nonsense, emotional, tuneful, impassioned, purposeful, hedonistic rock 'n' roll" by Melody Maker. The album was included in Mojo's 2003 retrospective feature "Top 12 Britpop albums of the 90s", which called it "a devilishly evocative document of the period"." (Wikipedia)

"The 60ft Dolls hail from Newport, Wales, and those of you familiar with the British music scene will already be aware of a small "Welsh invasion" of sorts taking place at the moment. Fortunately, the quality of the bands in question has been fairly fresh and original (to wit the Manics, Super Furry Animals, Gorky's Zygotic Mynci) when compared to the morass of usual Britpop suspects clogging the U-bend of the UK charts. Unfortunately, however, this has raised our expectations and set the 60ft Dolls up for an even bigger fall.

Not that the album doesn't begin promisingly enough. "Happy Shopper" shows that the Dolls have been doing their power-pop homework (i.e. listening to the Jam) and have a keen sense of observation when it comes to the drudgery of life in a backwater town, much in the spirit of Paul Weller or Bruce Springsteen, if not in the style. Plus they carry it across with enough verve to ensure that one day, you too will be screaming "Werraghappehsho-PAHZ!!!" in the shower.

The first crack in the Dolls' facade, though, comes with "Pig Valentine." That this was declared by the New York Times to be the 1995 single of the year only serves to underline the fact that New York's credibility disappeared up its own ass sometime in the early eighties. To put it bluntly, this is the sound of Petula Clark being shagged senseless by Green Day. In Hell.

It's at about this point that Springsteen makes a quick exit and is replaced in spirit by that other notable export from New Jersey. You know the one. The one whose name begins with "Bon" and ends with "Jovi." Oh, scoff as you will, just don't come crying to me when you listen to the Dolls rhyme "work it out" with "let it all hang out" or "sell your soul" with "let the good times roll" in the space of the same chorus during "Good Times." Or when, during the intro to "Streamlined," guitarist Richard Parfitt rips into a guitar solo so excruciatingly reminiscent of Gary Moore that you half expect them to be covering "Still Got the Blues for You."

Actually, I can't in all fairness pass the 60ft Dolls off as a cross between the Jam and Bon Jovi. No, there's some Aerosmith lurking in there as well. And in "Terminal Crash Fear," we get the Dolls' impression of what Bryan Adams thinks punk rock might sound like.

Listening to The Big 3, you get the impression that a well-meaning friend of the band told them that big hair and white leather rock 'n roll was on its way out and pointed them in the direction of a pile of Jam and Undertones albums. That is, too many influences from an earlier and best-forgotten time keep rising to the surface. With more than enough bands that can write note-perfect pop these days, the 60ft Dolls' expiry date seems fast approaching. One hopes that they might yet rise to the promise they show in "Happy Shopper" and prove me wrong." (Darren Gawle su http://dropd.com/issue/48/CD/60ftDolls/)

- New Loafers
- Talk To Me
- Stay
- Hair
- Happy Shopper
- One
- Good Times
- No 1 Pure Alcohol
- Streamlined
- Loser
- Pig Valentine
- Terminal Crash Fear
- Buzz

60FT DOLLS

18 Wheeler "Twin Action"



Me lo ricorderò per sempre quel momento. Io e Claudio siamo li al noise Art, negozio musicale di Verona ora chiuso da un sacco di tempo e ci stiamo guardando intorno. Il Noise Art era un negozio commovente, un sacco di cose, tante novità, tanti vinili, ma sopratutto la possibilità di prendere dentro anche l'usato. E noi di schifezze da vendere ne avevamo sempre un sacco. Quella volta Claudio voleva piazzare al buon Giorgio gli 18 Wheeler. Ma Giorgio disse no! E fu la svolta. Infatti Claudio, portandoseli a casa sconsolato disse...beh, stavolta me lo ascolto per bene sto disco e da allora gli 18 Wheeler furono uno dei suoi punti fermi!
E anche uno dei miei punti fermi (almeno per questo primo disco, perchè poi quando iniziarono a fare sperimentazioni, beh, i punti fermi diminuirono drasticamente).
Però qui c'è tutto quello che serve per il perfetto disco pop: grandissima influenza dei Teenage Fanclub, super melodie, cori, chitarre lanciate ma anche pezzi più tranquilli. Fragranza e solarità in un disco che ascolto volentieri pure oggi, che secondo me tocca il suo vertice melodico in Suncrush, dove il pop regna sovrano! (1994 Creation)


- Sweet Tooth
- Nature Girl
- Kum Back
- Golden Candles
- Revealer
- Honey Mink
- Gram
- Prock Shake
- Hotel 167
- Suncrush
- Frosty Hands
- Life Is Strange
- I Won't Let You Down
- Wet Dream

18 WHEELER

Arnold "The Barn Tapes"



Il mini lp degli Arnold fu una vera sorpresa. Così come lo fu il gruppo stesso per McGee, che nel 1996 aveva deciso di non mettere nessun gruppo sotto contratto per la Creation, ma gli Arnold gli fecero cambiare idea.
Ed ecco che il loro esordio sono questi magnifici 8 pezzi (8 songs of pain and experience, love and loss...come si legge sul sito della Creation), proprio quelli che portarono McGee a far firmare un contratto al gruppo. Uscito in cd e in 10", questo mini porta alla luce il suono incantevole degli Arnold che poi sarà maggiormente strutturato negli album veri e propri: malinconia, chitarre acustiche, psichedelia...ci credo che il buon Alan ha ceduto!! (1997 Creation)


- Float My Boat
- Calling Ira Jones
- Face
- Dog On the Stairs
- Windsor Park
- Sun
- 2 Chairs
- Medication Time

ARNOLD

giovedì 28 maggio 2009

Jocasta "Something To Say"



Chiudo la rassegna dei singoli "Jocastiani" con questa altra perla di assoluto valore.
Prestissimo arriverà anche il disco intero. Intanto in alto le mani, in alto i cuori, in alto lo spirito....lode agli eroi. (1996 Epic)

- Something To Say
- Swing And Roundabouts
- Mesmerizing Milla
- Don't Know When To Stop

JOCASTA

Jocasta "Go"



Singolo che mi piace tantissimo! Epico, trascinante, con quel ritornello che ti entra in testa e le chitarre che creano un tappeto sonoro da batticuore. (1995 Sony)

- Go
- Trapped (Demo)
- Try It (Demo)


JOCASTA

Jocasta "Change Me 1997" (Cd2)



Non vi è bastata la parte uno per mettervi in ginocchio e pentirvi dei vostri peccati? Allora ecco anche la perte 2!! (1997 Epic)

- Change Me
- Portion Of My Heart
- Only No One
- The Skin We'Re In


JOCASTA

Jocasta "Change Me 1997" (Cd1)



Riedizione di questo magnifico singolo. In ginocchio. (1997 Epic)

- Change Me
- Relativity
- Best Of Both Worlds
- The Apple & The Strawberry

JOCASTA

Jocasta "Change Me"



Allacciate le cinture di sicurezza. Grazie al caro Aurelio si sale in carrozza su un treno delle meraviglie chiamato Jocasta. In successione i singoli di questo gruppo magnifico, che con le sue melodie e i suoi arrangiamenti ha saputoconquistarmi fin dal primo ascolto. E' un viaggio nella magia sonora quello che stiamo facendo....poesia pura...(1996 Epic)

- Change Me
- The Land Of Do As You Please
- Not Related

JOCASTA

mercoledì 27 maggio 2009

The Dandys "Symphonic Screams"



Davvero britannici questi Dandys, che venivano da Leeds. Non sono stato mai un loro grandissimo ammiratore, ma devo dire che certe carte nella loro partita le hanno giocate davvero bene. In particolare alcuni singoli brillavano per linea melodica e impatto convincente. (1998 Artificial Records)

Qui sotto la recensione del MM...
As keen viewers of BBC2’s Sunday morning kids show "Fully Booked", will already know, The Dandys are not a band to let credibility get in the way of a good plug. This is, after all, that combo that toured with Shed Seven; they’re also an act who have found themselves in the unfortunate position of having released half their album before it hits the shops. So here are the five releases to date, plus seven others.
This is an album which - as all good pop albums should be - seems wholly derivative. Some parts sound like David Bowie or Suede, others like Blur or the aforementioned Sheds. This may or may not be a good thing (I think its good), and The Dandys may or may not be the worst band in the world ( I don’t think they are). Fitting - as they seem to - between spangly-shirted foppishness and checked-shirt laddishness is hard work for the listener, but songs like "Dirty Weekend" and "The Butterfly Song" both do so with stylish dexterity and tuneful execution. The next album should be a stormer. Meanwhile this is fine and dandy. (Peter Robinson)


- Intro
- Merry Go Round
- Drag Queen
- You Make Me Want to Scream
- English Country Garden
- Dirty Weekend
- All That You Do
- I Wanna Be Like You
- Walter Ego
- Long Live the King
- Butterfly Song
- Johnny Foxtrot

THE DANDYS

The Gyres "Are You Ready?"



E altro singoletto per i cari The Gyres! (1996 Sugar)

- Are You Ready?
- A Million Miles
- Top Of The Tree

THE GYRES

Speedy "Time For You"



Altro singolo per i nostri Speedy! (1997 Boilerhouse)

- Time For You
- Where Were You
- Sour 16

SPEEDY

Speedy "Anytime Anyplace Nowhere "



Freschi e pimpanti arrivano di gran corsa gli Speedy. Simpatica formazione di guitar pop che però negli arrangiamenti non disdegnava l'uso dei fiati. Melodie sincere, niente di rischioso o di chissà che complicato...solo tanta voglia di dire: "Ehy, ci si siamo anche noi"..peccato che solo pochi se ne siano accorti. (1997 Boilerhouse)

- Anytime Anyplace Nowhere
- Heard Seen Done Been

SPEEDY

Marion "Sleep Acoustic EP"



Che dire sui cari Marion che non sia già stato detto? Niente. E infatti così farò. Lasciamo spazioa questi 3 ottimi brani acustici, dove la voce di Jaime funziona alla perfezione, distillando emozioni! (1995 London)


- Sleep (Acoustic)
- Wait (Acoustic)
- Time (Acoustic)

MARION

lunedì 25 maggio 2009

Kenickie "Punka"



Beh, solo per una copertina così le Kenickie sarebbero da amare. Ottimo esempio di fanciulle arrabbiate, ma anche molto carine, almeno per il sottoscritto. Io ero e sono schiavo di Lauren Laverne, non c'è niente da fare!
4 pezzi carichi, grintosi, punkeggianti, romorosi e melodici. Cosa volere di più? (1996 premier DISC001)

- Punka
- Drag Race
- Walrus
- Cowboy


KENICKIE

The Gyres "Pop Cop"



Simpatici, onesti,con rimandi a altre mille band, ma a me facevano sempre venire in mente gli Stone Roses, e, ovviamente spariti nel nulla. Un classico. (1996 Sugarscoop)

- Pop Cop
- A Fool To Follow
- Sooner Or Later

THE GYRES

Thieves "Unworthy"



I Thieves sono un duo formato da David McAlmont e Saul Freeman. Il singolo in questione è un pop soul con una leggera base elettronica di pregevolissima fattura. Melodia e arrangiamenti che si uniscono, trasportati dalla splendida voce di McAlmont, che come sempre vola, e che ben presto dirà la sua nel mondo dell'indie rock assieme a Bernard Butler. Per ora si muoveva su questi territori morbidi e accattivanti e lo faceva in modo magnifico. (1993 Hut)

- Unworthy (Edit)
- The Night
- They Hide

THIEVES

sabato 23 maggio 2009

Younger Younger 28 "Soap"



Ma come dimenticare gli YY28? Un super mix di tante di quelle cose che la metà basta e avanza. Se uno si mette con attenzione e prova a trovare tutti i riferimenti del gruppo alla fine ha compilato un foglio intero con un sacco di nomi, ve lo assicuro. Da chi cominciamo? Pulp, ABC, Human League, Saint Etienne, Prince? Direi che è inutile andare avanti. Ascoltatevo un pò voi il dischetto in questione e divertitevi a fare questo gioco con gli amici. Ma in fin dei conti cosa ci troverete? Basi Dance, tastiere, chitarre, effettini anni 80, questa voce maschile bella profonda, le fanciulle che ci trascinano nei cori...INSOMMA YEAHH!!! In fin dei conti vi assicuro che non vi annoierete, anzi, il disco è davvero una gran bella festa per le orecchie, lasciatevi trascinare e che il party abbia inizio! (2000 V2)

E questa è una commovente recensione scovata sul web:

It sparkles like a very shiny thing: glittery and bright, It's pop sheen oozing from every pore. Not what'd you’d expect from an ex member of Scarbrough's very own hair metallers Little Angels on keyboards really. But don’t let that put you off.

For an album that was criminally ignored when it sneaked out in early 2000, "Soap" is a work that maybe everyone with an equal interest in cheesy pop music and Britpop should own. Imagine a cross between the Human League, Pet Shop Boys, Sheep on Drugs, Saint Etienne and Pulp, if you can. Play this next to Coldplay, Travis, or the other alt.complaint.rock currently swamping our charts, and discover the real reason why the NME gets it wrong when they hype Stones tribute band The Strokes. "Soap" is quite simply an album that straddles both the pop and indie markets superbly. From the opening "Sugar Sweet Dreams", the camp and bittersweet tongue in cheek lyricism of Joe Northern shines through with the pop sensibilities. The inner booklet of a street map detailing all the everyday life chronicled in the album owes quite a bit to Pulp, maybe, but still, imbues this album with the same observed cynicism that its tunes never show.

While the songs show a catalogue of smalltown dreams and the everyday fuck-ups of ordinary life as the characters strive to better themselves from working in the local supermarket or the dole queue, to the so Jarvis-Cocker-you-wonder-why-Pulp-havent-done-it-yet song about contact magazines, the music sparkles and shines with a pop sensibility unseen since the likes of Dubstar or St. Etienne. It's bright, shiny, optimistic, and you’re never in any doubt that they are in fact, taking the piss completely out of all the empty shiny pop records the world over. "We’re Going Out" is an incredibly infectious, and "Teenage Mum" is a response to the Spice Girls' girlpower ethic transplanted into the real world where Geri really isn't a sex symbol after all. All the while, the upbeat optimistic cheery music drags you throw a catalogue of urban despair, dole queues and degradation of everyday survival. If nothing else, this album should be selling the millions that Britney claims as her own.

Quite how this shiny little jewel of a record got ignored I will never know. It's worth 10 of any Coldplay or Travis album. It's the sort of thing the Manics glitterati would buy up the bucketload now that the Manics have turned into spiky punkbynumbers dull boredom, if only they stopped reading the NME. Quite simply, one of the most criminally ignored albums of recent history. Look out for it in a bargain bin near you soon – because it's worth every penny. (http://drownedinsound.com)

- Sugar Sweet Dreams
- Next Big Thing
- We Nearly Made It
- First Love
- Julie
- We're Going Out
- Dirty Harry
- Teenage Mum
- Gary
- Valerie
- No More Yesterday's
- In Between Days

YY 28

Animals That Swim "Workshy"




Un gruppo favoloso. Intelligente, colto, raffinato. Bravissimi. E non scherzo. A cominciare dai testi, sempre pieni di riferimenti, citazioni, per passare alla musica, così varia e a 360° che trasporta in un caleidoscopio di suoni, emozioni, immagini. Troverete melodie incantevoli in questo disco, arrangiamenti prezioni che sanno conquistare, ballate ma anche pezzi che alzano il battito del piede e del cuore...erano davvero favolosi. Se c'è un gruppo che non merita la dimenticanza, beh, lo abbiamo trovato! (1994 Elemental)
Sotto un pò di cose trovate su internet sul gruppo...

"An eccentric, hyper-literate cross between Scott Walker, Tom Waits, the Teardrop Explodes, and Ride, Animals That Swim were slightly too weird for mass consumption, but their oddball, half-beatnik/half-psychedelic pop was a refreshing response to the early days of Brit-pop."

"A raggedy, throwback indie shambles in the shiny dawn of Britpop, Animals That Swim were the wrong band at the wrong time; they even had a heartbreaking song about a bitter, Elvis-era rock failure (Roy) that implied they had already foreseen and embraced their fate. Nothing else about this Outer London 5-piece suggested pretensions or expectations, certainly not the shruggy strums and melancholy trumpets of Workshy, while drummer/writer Hank Starrs’ half-spoken shaggy-dog songs would divine the magical in the everyday – turning streetside car windshield debris into the pieces of a chandelier – only to realise it wasn’t magical at all, just the same old shit, usually once the booze wore off (typical anticlimax: “well she died, of course”). Starrs’ actorly conviction makes every damn second believable and there are moments – the materialisation of alkies’ messiah King Beer in the song of that name or the technicolour chorus of Madame Yevonde – when melody bursts through the half-drawn curtains of Starrs’ world and the real and unreal dance with abandon. Starrs (real surname: Barker) now makes films, including a 2006 doc about Third Man director Carol Reed – fitting work for a born storyteller – but he’s not forgotten. Last year, Art Brut had him lay down a vintage monologue on their 2007 single, Direct Hit. (Danny Eccleston on http://www.mojo4music.com)"

"The album "Workshy" did not disappoint. With an effective mixture of slice-of-life ("Smooth Steps") and pure fantasy ("St Francis"), light ("Vic") and dark ("Susie's Friends"), "Workshy" showed the group's abilities to the full. The band's ability to make something wonderful out of the minutiae of everyday life was showcased on "Smooth Steps" (literally a song about some smooth steps) and "Silent Film", while one of the band's (well, probably Hank's actually) favourite tricks - a deliberate lyrical anticlimax that just leaves characters going about their daily business - was used to great effect in "How To Make A Chandelier" (narrator thinks of making a chandelier from broken glass, but buys some oranges instead - hardly the stuff of epics, is it?) and "Barney". A new, improved version of "King Beer" was included alongside old favourites "Roy" and "Madame Yevonde". The synth-and-trumpet instrumental interludes ("Action at Tesco's" and "Chip Paper Dreams") were strictly throwaway, but as they were only 23 seconds apiece it didn't matter. The album finished with a setting of Charles Bukowski's poem "Sway With Me", the sleeve featured Hank adorned with flowers in imitation of Madame Yevonde's goddesses, the lyrics were hand-written and illustrated with little drawings, and as usual the press loved it (one critic called Hank a "genius poet", an epithet he particularly enjoyed) and the public ignored it. (http://www.animalsthatswim.co.uk/)"

- How to Make a Chandelier
- Smooth Steps
- Roy
- Pink Carnations
- St. Francis
- Action at Tescos
- King Beer
- Barney
- Susies's Friends
- Madame Yevonde
- Vic
- Silent Film
- Sway With Me

ANIMALS THAT SWIM

The Pecadiloes "Caught On Venus"





E' tempo di Pecadiloes. Gruppo davvero valido. Ottimi singoli ed ep preparativi, anche per la Fierce Panda (e ciò è sempre un vanto) e poi ecco il disco. Non le solite cose, ma davvero idee chiare, melodie non scontate, rimandi a Fall e Wire, attenzione ai suoni e risentendolo questo disco non ha perso nulla del suo fascino. Sotto una veloce descrizione del gruppo scovata su internet...(1998 Fine Art Limited)

Be impressed, be just a little bit afraid. here is a band who will open your eyes to something very different. how do they do it? four talented young men with an ear for a good melody and an understanding of the strange got together about three years ago and it was the best thing they could have ever done. nick, pip, elliot and ian combine guitars, keyboards, beats and complex bass riffs to produce a sound the defies categorisation. imagine if jon spencer fronted the clash and threw in a couple of samplers to freak everybody out and you’ve nearly got it - the weird, the live energy and, well, the other bit. this band have great stage presence and put on a performance. from the screaming fury of the two-bass ‘deep reversal’ to the gentle beauty of ‘the congregation smiles’, the pecadiloes give both the listener and audience something special to behold. buy the album, see them play live and marvel at the brilliance of these four bedford boys. allow them to scare you then let them take over you hearts. but don’t take your eyes off them for a minute because let me assure you, with the forthcoming release of their new material, the pecadiloes are going to be huge……

- Congregation Smiles
- Blood Orange
- USSO
- Cry
- The Wanting Song
- 10 Feet Tall
- Deep Reversal
- Coming Undone
- Kirsten's Beach
- My Mirrored Window
- Circles
- Peace And Quiet


THE PECADILOES

venerdì 22 maggio 2009

Plastic Fantastic "Fantastique N°5"




Nel cuore del Romo, grazie al caro Aurelio. Simpatici i cari Plastic Fantastic, che hanno un bun singolo movimentato e che farà dimenare i vostri fondoschiena sulla pista da ballo...sempre ammesso che qualche pista da ballo possa ancora accogliere la loro musica. Certo che quando sento gli urletti del cantante è una gioia per le nostre orecchie!! Già più riflessiva la b-side, al limite del visionario o spaziale, fate voi. Completano il tutto i classici remix! (1996 Mercury)


- Fantastique No.5
- Titled
- Fantastique No.5 (Palace)
Remix - Apollo 440
- Fantastique No.5 (Skinny)
Remix - Apollo 440

PLASTIC FANTASTIC

giovedì 21 maggio 2009

Subcircus "Are You Receiving?"




Permettetemi di ridere. Su questo disco c'è la canzone che più di tutte è stata presa in giro e ridicolizzata da me e Claudio....non che sia una brutta canzone, oddio, magari non è neanche un capolavoro, lo ammetto, ma quel maledetto ritornello e quei coretti sotto...fafafafafa feel loved....beh, ci ha fatto morire dal ridere. Quando uscì eravamo sempre li a cantarlo come 2 pirla!!
Che ricordi commoventi. E commoventi erano anche i Subcircus, gruppo che partiva da una base Radiohead ma poi metteva in campo sensibilità e malinconia propria a piene mani. Almeno nell'esordio. Perchè dobbiamo dire che questo secondo disco non riesce nel suo complesso a reggere il confronto con il primo lavoro, convincendo solo a tratti. Però...però..però c'è quella canzone che con il sua andamento ciondolante/glam mi fa morire dal ridere pure adesso!!! (2000 Echo)

E come sempre l'NME non ha pietà...

Sometimes, all the will in the world isn't enough. You can have the right haircut, the right contacts and the right state of mind, but it still doesn't mean you'll get what you want.

If it did, Subcircus (lovely hair, supported Suede and Feeder) would currently be touring the world's stadiums while their fans wrote love letters in blood to singer PB Jnr's razor-sharp cheekbones. Be grateful for small mercies, then. Because - despite what they think - Subcircus don't deserve any of that. True, nearly every song here attempts to pack in Suede's cinematic leanings, Placebo's dark seediness and the angry pop catchiness of a dozen eyelinered men in black who all yearn to be obsessed over. But, unwittingly, Subcircus are those bands' vaguely ridiculous cartoon shadow.

First, there's the irritating, pretentious titles - 'My Pet Poltergeist', 'Boys Are Naturally Cruel', 'Filthy Fucker' (I mean, please). And then there's PB Jnr himself. Maybe if he didn't sound so utterly self-satisfied and plain whiny on this second album, you could consider Subcircus a serious contender. Instead, it's all you can do to not laugh at his distressed, exaggerated screeching.

Obviously fate has remarkably good taste.

4 out of 10

- Man Of The Year
- Do You Feel Loved
- For Those Who Cannot Weep
- 60 Second Love Affair
- Rented
- Filthy F*****
- Boys Are Naturally Cruel
- Tiredness Can Kill
- Something To Believe In
- My Pet Poltergeist
- Situations Comedy

SUBCIRCUS

Lowcraft "Manticore"






Che cosa posso dire dei Lowcraft? Vi racconterò la solita storia. Assieme al mio compagno di avventure/sventure Claudio ce ne gironzolavamo allegramente da Supporti Fonografici, in cerca di cd per sperperare un pò i nostri (pochi) soldi. A un certo punto, il solito Carlone piazza la bomba...mette sul lettore alcune note di questo cd e io penso...wow...veramente fighi questi Lowcraft!! E subito a prendere il cd...anche perchè nel fratempo Carlone l'aveva già tolto! Diciamo che mi aveva fatto sentire gli unici 30 secondi buoni di un disco che ha una caratteristica indicibile...essere di una noia mortale! Un mio amico li ha definiti 1 inrocio tra Radiohead e Stone Temple Pilots...oh santo dio..ma esiste qualcosa di più stravagante? Sicuramente si, ma di più noioso credo di no. Quindi a questo mi ocaro amico ho venduto il cd....e notate che io non vendo mai nulla! Ma questo era un dovere morale! (1999 Disco Volante)

E qui sotto L'NME che legna duro....

You may have felt this way before. Lethargically channel-hopping one hot summer's afternoon, sipping on a cold drink, you find yourself strangely transfixed by a bowls tournament on BBC2. Amazing, really, the precision and skill involved in the game. It's quite a craft, you have to admit. Hmm, maybe some Lowcraft is in order.

Because honestly, there are some talented musicians out there in Portland, Oregon. They know their Pearl Jam songbook back to front, and what the best album ever is ('OK Computer', of course). They flirt with androgyny. And so, when on the seductively sumptuous 'Inch Away From Heaven' pretty Nathan Khyber sings, "I feel completely bored", you're bored with him, not at him. And the same goes for 'Manticore''s other 11 windswept slow-rock anthems.

All hail the art of Compromise Rock. You may have liked sports metal once, but now you need something more 'intelligent'. Scared to sell out your metal principles, you justify moving in with Lowcraft at Pseud's Corner on the basis that 'they still have loud guitars'. The cover features a lank-haired man in a long coat staring into a mirror. 'Hang up your shorts,' he seems to say, 'I'm sensitive, you know.'

It's all very sad, of course, but don't worry, by the end of your first term at college, you'll be shagging in heaven with Fatboy Slim, and Lowcraft will just be a forgotten nightmare. 4/10

- Inch Away From Heaven
- One Of Us
- Strong Wind
- All The Rage
- Trembling
- Transcendental Meltdown
- Happy In My Pants
- Tree Mantra
- Divine
- Angel In The Snow
- Avalon
- Porn Star

LOWCRAFT

mercoledì 20 maggio 2009

Northern Uproar "Yesterday Tomorrow Today"



1997. L'onda lunga del Brit Pop sembra calare, o meglio, rimangono alti nelle quotazioni di vendita solo i gruppi che si sono costruiti un buon nome, ma per il resto la grande abbondanza di gruppi ha creato un sovraffollamento che non giova certo al genere, anche se dobbiamo dire che il livello di freschezza e ispirazione è ancora piuttosto buono. Per i Northern è il momento del secondo disco dopo i buoni riscontri dell'esordio. Copertina sul MM, una comparsata a TOTP e buoni piazzamenti nei singoli, il sound Clash + Oasis + Manics sembrava funzionare alla grande, quindi tutti pronti per il secondo lavoro.....Poi che è successo? Io non lo so.
Sta di fatto che il secondo disco dei nostri eroi non lo compra nessuno. Ed è una vera ingiustizia. Se le influenze rimangono quelle, il sound si fa comunque più vario e più maturo, calvalcate e chitarre belle piene si alternano a pezzi più elaborati anche negli arrangiamenti rispetto all'esordio (ottimo l'uso dei fiati!!) e il disco merita tutta la nostra attenzione, perchè la vena melodica non si è certo esaurita, anzi, l'epicità e l'eroismo, da sempre marchio di fabbrica del gruppo non mancano, e poi c'è quella magnifica perla di Goodbye, per la quale vi consiglio di tenere i fazzoletti a portata di mano!!
Curiosa la vicenda del cantante Leon Maya che dopo lo scioglimento del gruppo divenne parrucchiere!!! Beh, se non altro i NU sono tornati con un valido terzo disco!! (1997 Heavenly)

- Any Way You Look
- Girl I Once Knew
- Down To Me
- What's It Gonna Be
- Blind
- Goodbye
- One Of Those Things
- Blown Away
- So Much
- More Than This
- Another Day
- I'm Coming Undone

NORTHERN UPROAR

martedì 19 maggio 2009

Groupie "Genious"



E secondo me questo singolo dei Groupie è ancora meglio di quello appena postato, perchè ha delle B-side che mi esaltano, non chiedetemi perchè ma Pin Up Star mi fa venire in mente i MBV (giuro, non so il perchè, forse per quei maledetti, impercettibili riverberi nel ritornello, mah, tutta colpa di Carlone!! Ricci aspetto un tuo commento sul pezzo!!) e il singolo portante è davvero travolgente! Tutti sul tour bus!!!! (1997 Sacred)

- Genius
- Headache In The Head
- Pin Up Stars Sacred

GROUPIE

Groupie "All My Friends Are Pets"



Che dire di questi cari ragazzi? Mah. Con un nome così poi! E come una groupie cerca di farsi largo tra la folla per raggiungere il tour bus del proprio gruppo preferito per saltarci sopra e dare spettacolo (non dico come!), così i nostri amici cercavano di farsi strada nella bolgia di guitar pop band del perido con una buona dose di freschezza, ironia e melodie niente male....provare per credere! (1997 Sacred)

- All My Friends Are Pets
- Threw A Brick In The Air
- The Day The Earth Moved

GROUPIE

Descent "No One Wants To Be The First"



Singolo d'esordio per questi londinesi, che nella canzone portante sembrano essere dei Cure con i muscoli, poi nella prima b-side si va di chitarrone belle pesanti mentre la terza viaggia su un melodico indie rock con chitarre belle piene e un buon ritornello! Onesti! (1996 FORTUNATE BJSCD)

- No One Wants To Be The First
- This Is The Spring
- Green Grass And Dead Ends

DESCENT

Heave "Pig Pretty"



Tutto sommato fresco e intrigante il guitar pop dei cari Heave (questi caro Aurelio non me li ricordavo nemmeno io!!). Certo, la classica frase "capacità innovativa prossima allo zero" è sempre in agguato...ma in fin dei conti qui si va senza pretese e a noi va bene così!! (1996 Radar)

- Pig Pretty
- Viewfinder
- Speedway

HEAVE

domenica 17 maggio 2009

Ballroom "Day After Day"



Questo è un disco fondamentale. Non uso altre parole. Magnifico. I Ballroom dopo una lunga serie di singoli arrivano al disco vero e proprio e l'incanto diventa realtà. Non è sempre facile costruirsi una buona reputazione con degli ottimi singoli e poi non deludere sulla lunga distanza...beh, i Ballroom non hanno deluso, anzi. L'NME, di cui leggerete la recensione qui sotto, può dire quello che vuole (sbagliando in pieno tra l'altro!!), io in questo disco ci trovo romanticismo, decadenza, lacrime, passione, epicità, sensualità, emozione...un disco da 10 e lode. Lo stile perfettamente british dei Gene, la lascività dei Suede, l'epicità melodica dei Longpigs, lo shoegazer dei Chapterhouse (ascoltate Bionic e poi ditemi voi se non è Chapterhouse puro), la magniloquenza di Bernard Butler solista (Don't stop sembra proprio scritta da lui!!)...beh, io in questa opera d'arte ci ritrovo tutto questo, filtrato e magicamente portato alle nostre orecchie da una sensibilità che conquista. Grazie Ballroom per questa perla che rimarrà brillante per sempre. (1998 Mother)

NME: "U2 REALLY ARE EVIL BASTARDS. NO LONGER content to foist their nauseating bombast on the public once every few years, they are now filling in the gaps between their own records by releasing pompous toss by other acts on their Mother label.
Ballroom come straight from the same school of songwriting that brought us the bilious musings of Suede and the noxious, self-pitying shite of Morrissey at his least inspired. 'Day After Day', while not without redeeming features, is an album drunk on doomed romanticism which lies prostrate on pop's busy highway waiting to be splattered. Singer Gary Prosser has a raspy voice not unlike Crispin Longpig and a knack of writing miserable epic tunes but is seemingly unaware that there are white keys on a piano as well as black ones.
Hence, while in the context of more varied material, the title track and the similarly sullen 'Household Names' might have sounded rather mighty, mounted as they are in 35 minutes of supine foppishnes with string sections they are denied the opportunity to shine.
Ballroom then, as in plenty of room for balls.
4 out of 10"


- Take It
- Through The Day
- Bionic
- Heads Or Tails
- Household Names
- Don't Stop
- Seven's A Secret
- Day After Day
- Beauty Sleep
- Believe
- Someone Like You

BALLROOM

The Hybirds "The Hybirds"



Ecco il disco dei cari Hybirds. Non spenderò tante parole, anche perchè questa volta, con grande piacere citerò il caro, vecchio, Piero Scaruffi...ebbene si, l'uomo che senza pietà sulla sua enciclopedia del rock si diverte a legnare tutti i miei idoli (perchè lui il Brit Pop lo odia!!), beh, non ci crederete, ma per gli Hybirds usa ottime parole...e io ve le riporto, commosso! (1998 Heavenly)

"Richard Warren era il chitarrista e cantante degli Hybirds, una delle bands meno prevedibili del brit-pop. Dopo qualche singolo di scarso successo, gli Hybrids realizzarono il loro primo album Hybirds (Heavenly, 1998), che è uno dei capolavori nel novero di quel genere. " (Piero Scaruffi)


- Ball Of Twine
- 24
- I'm Coming Out
- See Through Me
- Call Me Blue
- The Only Ones
- Born Yesterday
- The Wanderers
- Stranded
- Worlds
- Suzi Parker
- I Feel The Weight

THE HYBIRDS

venerdì 15 maggio 2009

The Hybirds "Take You Down" e.p.



La prima volta che ascoltai Seventeen rimasi di stucco. Era il pezzo pop per eccellenza. Melodia superba, semplice, lineare, ti rimaneva inevitabilmente in testa e appena era finita volevi solo risentirla 1 altra volta....la canzone POP perfetta! Un buon gruppo questi Hybirds, che sfornarono dei buoni singoli che per lo più finirono inosservati e la stessa sorte toccò anche al loro album d'esordio...e così, come spesso succede il gruppo si scioglie nell'anonimato generale. Ed è un peccato. Influenze scolpite nella musica britannica....dagli Oasis, ai Jam, agli Who. E poi, ripeto...c'è questa Seventeen per cui rimarranno per sempre nella (mia) storia del pop! (1997 Heavenly)

- Seventeen
- Reeling
- Peter Take Me Down
- The Only Ones (Part Two)

THE HYBIRDS

Gay Dad "Now Always And Forever" (cd2)



La crociata Gay Dad non è ancora finita....beccatevi anche questo! (2001 B-Unique)

- Now Always And Forever
- Surprise Party
- Captains Of Industry

GAY DAD

Flamingoes "Street Noise Invades The House"



12 anni dopo l'esordio ecco che tornano i fratellini Cook. Ebbene si, nel 2007 i Flamingoes tornano in pista e il risultato è davvero buono. Magari meno esplosivi rispetto all'esordio (che presentava alcuni brani dove era impossibile non saltare per 3 minuti per tutta la casa in preda a una frnesia pop incontrollata), ma con una sensibilità e un tocco davvero magnifico. Un disco dove le melodie guitar pop del gruppo risaltano e ci fa rimpiangere che non abbiano avuto la visibilità che meritavano! (2007 Distort Boy Records)

Ecco quello che dice il loro sito...

"Twelve years after their debut album 'Plastic Jewels', twin brothers Jude and James Cook are reunited to record the follow-up, 'Street Noise Invades the House'.

Written mainly by brother James and produced by the twins, 'Street Noise Invades the House' is scheduled for release on October 1st 2007 on Distort Boy Records via Cadiz Music/Pinnacle. The album draws on their early influences - Beatles, Bowie, Punk and Power Pop but also persues the more reflective style begun on songs such as 'Absent Fathers, Violent Sons' and 'Winter'.

The new sound, described as "The Webb Brothers meets Blur" is a giant leap from the first album. While 'Plastic Jewels' was a guitar-pop sugar-rush ("Glum Glam", The Guardian), 'Street Noise..' is more of a late-night slow burner.

'Street Noise Invades The House' features guest appearances from One Little Indian artist Polly Paulusma (backing vocals) and the comedian/writer Rob Newman (Ukulele, Banjo-lele).

The artwork (left) was designed by Martin Andersen of Andersen M Studios (www.andersenm.com ). Martin, who started his career at V23 with Vaughn Oliver, has designed sleeves for Roger Eno and Piano Magic amongst others. He has also done cover photography for Flaming Lips, Air, Belle and Sebastian, and Four Tet for the Late Night Tales series.

Flamingoes' myspace can be found at www.myspace.com/theflamingoes"

- From An Early Morning Train
- Good Feeling
- Suzy Please
- I Wish You Would
- Hole In The Sky
- Saint Jo
- Star Trek
- Late Night Shopping
- Seagulls
- Skylight
- Peace Of Mind
- Holland
- Things Fall Apart
- Sun In The Morning

FLAMINGOES

giovedì 14 maggio 2009

Romo - Melody Maker






L'avete aspettata, l'avete cercata, l'avete richiesta e grazie al divino Aurelio (che l'aveva negli scaffali impolverati!!) e al mitico Claudio (che ha curato la parte tecnica)....eccola qui, la mitica cassetta "Fiddling While Romo Burns" che il 9 marzo 1996 uscì in allegato con il Melody Maker, giornale che partì in allegria con una bella crociata pro Romo (con il buon Simon Price a suonare la carica!!), fenomeno effimero che però mise in mostra alcune discrete, nonchè poco longeve band. La cassetta in questione è quindi uno spaccato del nascente fenomeno con 5 gruppi che a tutti gli effetti potevano dirsi pienamente inseriti nel contesto.
Sorridiamo di fronte a questa ennesima etichetta creata dalla stampa britannica....però ritorniamo con la mente a quel tempo...e buon ascolto!

Ps...sul fenomeno romo rimando a questo bel blog e a un articolo davvero ben fatto:

http://goldmine-trash.blogspot.com/2008/08/wherefore-art-thou-romo.html





- Dexdexter "Creature Feature"

- Hollywood "Lights, Camera, Revolution"

- Plastic Fantastic "Complimentary Electron"

- Viva "Now"

- Orlando "Nature's Hated"

Fiddling While Romo Burns

Gay Dad "To Earth With Love" (cd2)



Non c'è due senza uno....ecco la seconda parte di uno dei singoli più belli e accattivanti degli ultimi 15 anni di musica! (1999 London)

- To Earth With Love
- Us Roach
- 51 Pegasus

GAY DAD

Gay Dad "To Earth With Love" (cd1)



Mi ricordo quando sentii per la prima volta questo singolo...in piedi sulla sedia, anzi, in piedi sul tavolo, gridando come un pazzo "ecco gli eroi, ecco i salvatori del pop....", che emozione!! Risentirla oggi mette ancora gli stessi brividi...travolgente a dire poco! (1999 London)

- To Earth With Love
- How It Might End
- Soft Return

GAY DAD

Gay Dad "Transmission" (cd1)



Parte 1 per questo singolo del secondo disco dei Gay Dad. Curioso il titolo della B-side che darà il nome (YEA) a un gruppo prodotto dallo stesso Jones! (2001 B-Unique)

- Transmission
- The Aim Of The Game
- Young Earth Attack

GAY DAD

Gay Dad "Transmission" (cd2)






E continua la cavalcata Gay Dad!! Tutti sul tappeto magico di Cliff Jones!! Sopra una bella intervistina e un pò di immagini live. Niente male. (2001 B-Unique)

- Transmission
- Art Science 1978
- Dead Man

GAY DAD

mercoledì 13 maggio 2009

Gay Dad "Oh Jim" (cd2)



E vai di parte 2. Certo che ce ne facevano spendere di soldi sti gruppi inglesi tra parte 1 e parte 2. Mannaggia! (1999 London)

- Oh Jim
- Uva
- Bingo Nation

GAY DAD

Gay Dad "Oh Jim" (cd1)



Grande singolo. Si va sul commovente. E il tributo diventa inevitabile! (1999 London)

- Oh Jim
- To Earth With Love (Demo)
- Lieb Ist Fur Immer

GAY DAD

Gay Dad "Now Always And Forever"



Salto temporale (scusate il disordine, ma non sono uno di quelli che segue 1 ordine rigoroso d'uscita) e si passa al singolo anticipatore del secondo disco, quello che segnò il canto del cigno per il gruppo, pur non essendo comunque malvagio.
Qui sotto la recensione dell'NME. (2001 B-Unique)

That Cliff Jones returned to the fray looking like it was Dress-Down Friday in a meat-packing plant was the most distressing symbol of Gay Dad's malaise. You can't be an avatar to aheadness wearing a woolly hat. The problem with Gay Dad was never their pretension - it was that they were never pretentious enough, could never quite walk it like they so entertainingly talked it. 'Now, Always And Forever' isn't the
song that'll have 80ft-high metal Dad-droids patrolling the streets but it's based around a wonderful electro hook that sparkles like Bowie in tin foil and a gently ludicrous lyric about crying machines. Not only that, but
B-side 'God Has Moved On' defies
all odds by sounding impressively like Tangerine Dream. They're learning to rock again. Be patient with them.

- Now Always And Forever
- Estigon
- Gos Has Move On


GAY DAD

Gay Dad "Joy!" (cd2)



Ed ecco la parte due della trionfale e travolgente Joy!. (1999 London)

- Joy!
- Electrogeist
- Twelve

GAY DAD

Gay Dad "Joy!" (cd1)



E via...si parte con la grande serie dei singoli dei Gay Dad. Lodi infinite al buon Aurelio. Allacciamoci le cinture di sicurezza...destinazione Brit Pop!!!! (London 1999)

- Joy!
- Sly
- Desire

GAY DAD

domenica 10 maggio 2009

Fixed Stars "Every Night"



Secondo singolo per la veloce (ahimè) carriera dei Fixed Stars. (1999 Mercury)

- Every Night
- Four Letter Words
- Raised On Cheap Meat

FIXED STARS

Fixed Stars "Here Comes The Music"



I Fixed Stars sono in realtà i tre fratelli Cullen (Mark, Darren e Jason) che prima si chiamavano Bawl. Poi per regioni legali (?) dovettero cambiare nome e divennero Fixed Stars. Con questo nome registrarono 4 singoli, ma putroppo non arrivarono mai all'album vero e proprio. Questo è il loro terzo singolo. (1999 Mercury)

- Here Comes The Music
- Can You Afford Love
- Minimal Spaces

FIXED STARS

Fin "Skin EP"



Altro singolo/EP dei Fin e tutto fila come deve filare. Ottimi!(1994 Fromage Rouge)

- Moisturizer
- Beneath My Skin
- Love Me
- Fade

FIN

venerdì 8 maggio 2009

Pimlico "Housebound"



A grande richiesta, e ovviamente con l'aiuto del mitico Claudio, ecco arrivare il disco dei cari Pimlico. Un disco dove la freschezza brit pop regna sovrana. Non aggiungo altro. Ascoltatevelo e rimpiangiamo quei tempi...(1998 Vinyl Japan)



- Elephant Hide
- Revolve
- Basement
- Wings Of Fame
- When I'm Wrong
- Who Am I
- Mongrels
- I Watch You
- Poetry Street
- No Answers Here
- You Can't Have Me
- Days Of Acceptance
- TSOH

PIMLICO

Ben Christophers "My Beautiful Demon"







E' un bel disco questo di Ben Christophers. Malinconico, sottile, intenso. Di solito mi piacciono le cose rumorose e cariche, qui invece siamo dalla parte opposta. Un disco anche molto raffinato. Poi il caro Ben è entrato nella leggenda più che altro perchè veniva usato come metro di paragone per descrivere altri gruppi a lui similari, ovviamente non da me, ma da Carlone Villa che in una recensione definì un gruppo come "Ben Christophers in paradiso!".....un genio!! (V2 1999)


Recensione del disco di Rockol....
Era parecchio tempo che non rimanevo così colpito da un disco come lo sono stato ascoltando “My beautiful demon”. Sì, perché fin dalle prime battute di questo album d’esordio si capisce quanto Ben Christophers ami parlare il linguaggio dell’anima. Che poi sia un’anima inquieta, demoniaca (come potrebbe far pensare il titolo dell’album) o un’anima angelica, malinconica e allo stesso tempo estatica e felice (come invece mostra di essere nella maggior parte l’anima di Ben nei passaggi di questo bellissimo album), poco importa. Quello che importa è che Ben Christophers evochi, sia nell’uso della voce che nell’attitudine “inquieta” e malinconica personaggi del calibro di Thom “Radiohead” Yorke o Jeff Buckley (il paragone più ricorrente in molti brani dell’album). Ciò che ci colpisce è che Ben suoni una chitarra che sa di antico, di folk e di geneticamente triste, che ci entra inesorabilmente nell’anima con poche note arpeggiate. Ciò che ci convince è che accanto a uno strumento semplice come una chitarra acustica Christophers accosti sonorità che avrebbe potuto pensare qualche techno head accasatosi alla Warp, ritmiche dub, ipnotiche e ben strutturate come le avrebbe potute pensare Aim (andatevi a recuperare “Cold water music”, uno degli album di post trip hop più belli degli ultimi mesi) o qualche altro breakbeatologo inglese. Il risultato? Ballate folk pensate in spazi siderali immensi, dove malinconia ed estasi, elettronica e classicità, vacillano nel vuoto dell’universo regalandoci un nuovo modo di pensare canzoni. Basti, come esempio lampante la stupenda “It’s been a beautiful day”, quattro minuti di poesia sottolineata da archi immensi, la solita voce in bilico tra malinconia e felicità di Ben, che non sa se intristirsi o urlare di gioia per la fine di un giorno meraviglioso, il tutto al ritmo vacillante del dub. (gennaio 2000 Rockol)

- My Beautiful Demon
- Give Me Everything
- Before the Winter Parade
- Stay
- It's Been a Beautiful Day
- Sunday
- Healer
- Remote Control
- Always
- Skyscraper

BEN CHRISTOPHERS

mercoledì 6 maggio 2009

SMASH "Self Abused"



Il post di oggi riguarda gli SMASH, altro gruppo che la stampa britannica infilò nel filone New Wave of New Wave. Buoni amici dei TAM (a tal punto che pure oggi dividono il palco volentieri con i The Orphans, la reincarnazione dei TAM, almeno nei membri, perchè musicalmente è tutta 1 altra cosa), interpretavano il filone più casinaro e "confusionario" del punk, magari con meno melodia rispetto ai TAM, ma più anarchia se vogliamo. Sotto ci trovate la loro storia, da Wiki....(1994 Virgin)

The band's sound recalled the late 1970s and early 1980s punk and New Wave bands. The British music press were enthusiastic about the band creating a non-existent scene called New Wave of New Wave, along with similar UK bands of the time such as Echobelly, Sleeper, Compulsion and These Animal Men.

The band's second single was a tribute to feminism called "Lady Love your C*nt". It appeared on their debut mini album "S*M*A*S*H" which was a compilation of their first two limited edition 7" singles, and was well received by critics. The band made some appearances on UK TV programmes such as Naked City, as well as live performances, including a collaboration with Billy Bragg during an Anti-Nazi League rally.

With a recording contract, the band toured tirelessly, increasing press coverage and attention from fans. The trio still found time to laugh at themselves, occasionally performing under the name S*H*I*T*E.

The trio made an appearance on BBC Television's Top of the Pops, singing "Shame". They became the first to appear on the BBC's flagship chart show without officially releasing a single - their debut EP having reached number 26 in the UK Albums Chart.


Their only hit single was "(I Want to) Kill Somebody", which was only available in the shops for one day in 1994. It reached number 26 in the UK Singles Chart.[2] Its controversial subject matter eventually lead to its banning.[1] Their debut full-length album, Self Abused, was not a commercial success, although the group remained a favourite of the critics.

The band recorded a single for the Seattle based label Sub Pop, but S*M*A*S*H remained virtually unknown outside the UK, despite a whistle-stop tour of the United States and support slots across Europe.[1] The EP "Another Love Song E.P." followed in 1995, before the group released their final single, "Rest of My Life", a year later.[1] The band split up in 1996.

In 1997 bass player Salv joined Carter USM as a full time member, but in 2004 the trio reformed, recording a number of tracks for a forthcoming EP and playing several gigs around the UK.

S*M*A*S*H's second LP, Icon was released on 8 October 2007, 13 years after their Self Abused album.

- Revisited No 5
- Barrabas
- Oh Ovary
- Altruism
- Reflections Of You (Remember Me)
- Self Abused
- Intermission (instrumental)
- Another Love
- Another Shark In My Swimming Pool
- Real Surreal
- Dear Lou
- Bang Bang Bang (Grant a25)
- Time
- Lady Love Your Cunt (acoustic)

SMASH