venerdì 31 luglio 2009

Davide De Marinis "Quello che ho"








Davide De Marinis è uno dei miei idoli. Si lo devo ammettere. E sono stato davvero molto fortunato, per la professione che faccio, a conoscerlo (seppure, per ora, solo al telefono). Amo quella sua faccia pulita, quella sua aria da bambinone, quei suoi testi così spontanei, umili, gentili...testi di una quotidianità spaventosa mi viene da dire, ma proprio per questo parole in cui è facile ritrovarsi (un pò come il primo Carboni per capirsi) e poi le sue lineee melodiche sempre facili e lineari, arrangiate bene, pulite e, perchè no, scontate, si, ma di grande impatto. Non dice niente di nuovo Davide De Marinis, ma in quello che fa è sincero e questa sincerità mi ha sempre colpito. Questo è il suo esordio, o meglio la ristampa del suo primo disco,uscito nel 1999 sull'onda del successo "Troppo Bella" (che quando entrava in testa non ne usciva più!!). In questa versione ci si trova in più l'estiva "Gino!" e l'ottima "Chiedi Quello Che Vuoi" che fu presentato a Sanremo 2000 e ottene buoni consensi anche in radio.
Una canzone su tutte "Non mi basti mai"...intimismo commovente. Non dico altro.
Non fermatevi alle apparenze! Questo disco potrebbe davvero stupirvi. Ps: Curiosità è che i disegni e i quadri raffigurati nell' interno dell'album sono opere dello stesso De Marinis, che se la cava egregiamente anche come pittore! (2000 EMI)

- Chiedi Quello Che Vuoi
- Gino!
- Troppo Bella
- Cambiare Aria
- I Sentimenti Nascono
- Se Davvero
- Solo In Città
- Ciò Che Cerco
- Come Il Sale
- Quello Che Ho
- Non Mi Basti Mai
- Ho Chiuso Gli Occhi


DAVIDE DE MARINIS

Campag Velocet "Vito Satan"





Canzone pazzesca. Magari gli Oasis tirassero fuori adesso dal cilindro un capolavoro guitar pop di tale portata. Sarebbero tutti in ginocchio. Gli autori di tale splendore sono i Campag Velocet che nel loro album d'esordio mettevano tutti a tacere con un suono alla Primal Scream, visionario e sonico ma con buon uso dell'elettronica, però poi c'era pure questa....questa perla di rarissima bellezza e il nostro cuore non può non restarne rapito. Grido al miracolo sonoro! Giuro! (2000 PIAS UK)

- Vito Satan
- Sauntry Sly Return
- Bon Chic Bon Genre

CAMPAG VELOCET

giovedì 30 luglio 2009

Black Grape "It's Great When You're Straight...Yeah"





Ma si...divertiamoci, balliamo e per 45 minuti fregiamocene di quello che ci succede intorno. Shaun Ryder dopo l'esperienza devastante (in tutti i sensi) con gli Happy Mondays torna bello ripulito, o almeno sembra, alla carica con i Black Grape e questo esordio è da 10 e lode. Impossibile rimanere fermi: ironici, divertenti,scanzonati, accattivanti, sfrontati, dal rock al funk, al soul al pop in un frullato di melodie e ritmi che cattura l'ascoltatore . Insomma un passo oltre i Mondays ma sempre in quella direzione! Gran bel disco! (1995 MCA Uk)

Ryder tornera` a galla alla testa dei Black Grape nel 1995, formazione con due rapper (Ryder e Paul Leveridge), la chitarra bruciante di Paul Wagstaff e un'orchestrina di fiati e tastiere. Il ballabile poliedrico (funk, hip-hop, jungle, raga, house, reggae e heavymetal) di It's Great When You're Straight (Radioactive, 1995) sfodera l'impeto scanzonato dei Red Hot Chili Peppers e la coralita` epica dei Clash, dallo shuffle indiavolato di Reverend Black Grape alla giostra raga-psichedelica di In The Name Of The Father, dalla filastrocca decadente e spaziale di Kelly's Heroes al rap con organo soul di Little Bob. Ma a renderli celebri sono soprattutto scipitezze come Tramazi Parti. Album senza pretese, che continua semplicemente nella vena "folle" di Madchester, ma che segna anche un ritorno alla grande per Ryder. (Piero Scaruffi - www.scaruffi.com/)

After Happy Mondays crashed and burned in disarray, drugs and debt (for Tony Wilson, mainly), few thought that Shaun Ryder would ever get it together long enough to make a comeback. They were wrong. In 1992, barely a year after the final underwhelming Mondays album, Ryder and Bez put together a new band, featuring former Paris Angel Wags and rapper Kermit. But it wasn't until 1995 that the debut album 'It's Great When You're Straight... Yeah" dropped, featuring the rather fine single "Reverend Black Grape". The Grape were basically a rootsier, funkier version of the Mondays, but when Ryder sacked the rest of the band a couple of years later, it was all over. Shame. (http://www.xfm.co.uk)

Black Grape's debut revs up with a command from lead singer Shaun Ryder: "Oh, come all ye faithful, oh, joyful and triumphant!/Gather round while I blow my own trumpet!" The biblical bellowing seems appropriate: Black Grape are a resurrection of sorts – Ryder was formerly the main man in Happy Mondays, the most experimental, groove-ridden and recklessly Dionysian gang to come out of England's pivotal Madchester (Manchester) scene in the late '80s.
The Mondays imploded in classic it's-better-to-burn-out, etc., fashion, mostly because Ryder was, as he has said, "cracked out of me brain." But as the title of It's Great When You're Straight ... Yeah suggests, Ryder's messed-up past is just that – past. Black Grape teams him with covocalist Kermit Leveridge (ex-Ruthless Rap Assassins) and a rubbery musical core. The result is an exuberant '90s pop party, a hip-hop/white rock/dance club collage suffused with punchy cultural substance and great stylistic reach.
With his shady background and Northern England working-class accent, Ryder is a surreal street-beat poet whose raucous authenticity masks a careful lyrical craft. He's class conscious, art conscious, race conscious and, especially, pop-culture and consumption conscious. References include Dirty Harry, "the great smell of Brut," "Planet Reebok" and the holy trilogy of Batman, Jesus and Bruce Wayne. On "Shake Your Money," he delivers a bleak but melodically uplifting account of drug-dealing hooligans; riding a creamy Stax/Volt groove, he actually sounds soulful. Elsewhere, his ranting – crisply phrased if somewhat slurry – melds in vibrant harmony with Leveridge's raps, toasts and croons.
Black Grape's foot soldiers are guitarist Paul Wagstaff and drummer Ged Lynch, and co-producers Danny Saber and Stephen Lironi on keyboards, guitar, bass and programming. Former Happy Monday dancer Bez is also involved, although, as usual, his recorded contributions are inaudible – he's credited, metaphorically, with "vibes." Together they create a funky pop architecture of loping drum programs, hard guitar riffs and creepy ambience, rolling easily from raga to rock to Caribbean rhythms. It's great that Ryder's straight (yeah), but what's even greater is his dizzyingly weird and infectious new band, which is anything but (yeah). Black Grape are bent in all the right ways. (Jason Cohen - http://www.rollingstone.com/)

- Reverend Black Grape
- In The Name Of The Father
- Tramazi Party
- Kelly's Heroes
- Yeah Yeah Brother
- A Big Day In The North
- Shake Well Before Opening
- Submarine
- Shake Your Money
- Little Bob


BLACK GRAPE

mercoledì 29 luglio 2009

Tiger "Rosaria"





Comincia a mostrare un pò la corda il gioco dei Tiger, anche se appare giusto un pò più raffinato in questo disco. Ma non basta. La fine è dietro l'angolo. (1999 Tugboat)

E Piero Scaruffi dice la sua:
Unlike the thousands of interchangeable purveyors of Brit-pop, Tiger played catchy, loud, fast ditties with an experimental twist and for a few seconds seemed more serious than most British "next big things". Guitarists Julie Sims and Tina Whitlow, vocalist Dan Laidler, keyboardist Dido Hallett and drummer Seamus Freeney proved they had something to say (not just to repeat) with the singles Shining In The Wood (Fierce Panda, 1995), Race, My Puppet Pal, that straddle the line between Buzzcocks' punk-pop and Fall's disjointed rock, with a touch of Ultravox' raw synth-pop. Unfortunately, the albums We Are Puppets (Trade Two, 1996) and Rosaria (Tugboat, 1999) sound trivial and amateurish. (http://www.scaruffi.com/)


From unavoidable to invisible in the blink of Britpop's eye, at least no-one could fault Tiger for effort as they attempted to seize and define their moment. Two-and-a-half years since 'We Are Puppets' failed to impinge its surrealist yelpings upon a mass consciousness, the controversially coiffured quartet return, unrepentant.
Though sprucer and more texturally diverse, 'Rosaria' reveals no fundamental shifts in musical philosophy, other than the fact of Dan Laidler occasionally crooning like a 'Lodger'-period Bowie. Part free association, part nonsense poetry and always on the murky side of opaque, Dan's lyrical domain remains a largely foreign country, yet when Tiger's post-teenage rampage cleaves to the bone the words blur like spokes on a wheel into the song's irresistible momentum. 'I Was A Rolling Stone' and 'Soho Soul' are near-perfect synthetic pop blasts, Stereolab had they gone to the pub instead of the lab, the former featuring a most commendably shameless facsimile of the intro to Roxy Music's 'Virginia Plain'.
When Tiger can, then, Tiger vehemently does. Yet the impulse to throw their toys out of the pram proves irresistible, and 'Rosaria' is an LP bedevilled by inconsistency. During the annoying ersatz nursery rhyme 'Candy And Andy' ("I'm in love with Schubert/He sure likes sherbert") a Tiger femme pipes: "'e makes it up". 'Girl From The Petrol Station', meanwhile, trots out some appalling sub-Kula Shaker raga twaddle for no
obvious reason beyond Dan mentioning "Mandalay".
Overlong at 50 minutes, 'Rosaria' proves that though Tiger still have the scent of magic on their paws, it is all too possible to try too hard.
6 out of 10 (http://www.nme.com/)

- Friends
- I Was A Rolling Stone
- Speak To Me
- Girl From The Petrol Station
- Candy And Andy
- Birmingham
- Root Cage
- Soho Soul
- Bee Song
- Our Simple Life
- River
- Rox Baroque


TIGER

martedì 28 luglio 2009

Tiger "We Are Puppets"





Ed eccolo qui l'esordio dei Tiger. Il loro post punk era così diverso dallo scintillio pop che si ascoltava in quel periodo. Chitarre rumorose, questa voce così dissonante, il massiccio uso delle tastiere, i ritmi pulsanti, una non certo grande attenzione a un look curato. I Tiger erano così, prendere o lasciare. (1996 Trade 2)

Based in London, England, Tiger became the subject of major press scrutiny in 1996 with only a handful of gigs and no releases behind them. So meteoric was the quintet's rise that they had played only three times before they were signed by Island Records subsidiary Trade 2 and EMI Music Publishing. Representatives of both companies had seen the band at London's Dublin Castle venue by chance and a contract with both was completed by May. However, the band's first single was actually released on music journalist Simon Price's Fierce Panda Records. This drew early comparisons with left-field mavericks such as Jonathan Richman and the Fall, with singer and songwriter Dan Laidler's reserved persona and Julie Sims' guitar work (usually played through the amplification medium of a ghetto blaster) attracting special plaudits. The band were included on the New Musical Express' C-96 compilation cassette, as further critical praise followed their every move. The debut album confirmed their position as champions of the anti-Britrock backlash. (http://www.nme.com/)

Tiger sounded and looked out of place in the post-Brit-pop indie-rock world of the late '90s. Older than their peers and possessing utterly no fashion sense, Tiger relied on traditional indie-rock values, cribbing their sound from late-'80s alternative rock groups like the Pixies and the Wedding Present, while lacing it with droning chords borrowed from Stereolab and strong British melodies. We Are Puppets, the group's debut album, runs out of steam toward the end of the record, but its first two-thirds are invigorating indie-pop, filled with jagged, fuzzy guitars, call-and-response vocals, angular hooks and oddly ingratiating flat vocals. The best songs -- including the roaring singles "Race" and "My Puppet Pal" -- bristle with unconventional hooks and pounding rhythms. Tiger likes to make noise and their glee is infectious, even when the noise outweighs the melody. (Stephen Thomas Erlewine - http://www.allmusic.com/)

- My Puppet Pal
- Shamed All Over
- Race
- Bollinger Farm
- Storm Injector
- Depot
- On The Rose
- Sorry Monkeys
- Cateader Reddle
- She's Ok
- Ray Travey
- Keep In Touch

TIGER

Earl Brutus "Tonight You Are The Special One "








Non sono mai stato un loro grande fan. Riuscivano in un disco a metterci dentro tanti di queei generi e di quei suoni che, giuro, facevo fatica a starci dietro. Rave - glam - psycho - elettro - pop? Mah. Chissenefrega delle etichette. Il gruppo aveva un buon riscontro dalla critica, ma in fatto di vendite la cos andava male.
Sta di fatto che questo post è comunque in memoria di Nick Sanderson, mente del gruppo (questo è il loro secondo e ultimo disco) e già membro di The Jesus and Mary Chain, The Gun Club e World of Twist. Nick è morto l'anno scorso. (1998 Fruition)


- SAS And The Glam That Goes With It
- Universal Plan
- God Let Me Be Kind (Bitterfeld)
- Midland Red
- Come Taste My Mind
- Second Class War
- Your Majesty We Are Here
- Don't Die Jim
- 99p (Take me away)
- East
- Edelweiss (Blown Away)
- Male Wife


EARL BRUTUS

Tiny Monroe "Cream Bun EP"





Qui bisogna andare indietro fino al 1994 per pescare dal mazzo i piacevoli Tiny Monroe (Aurelio docet!), e questo è il loro secondo singolo. Il loro indie guitar pop con voce femminile durerà fino al primo disco, poi tutti a casa. La cantante ora ha intrapreso una carriera solista non molto fruttuosa a dire la verità. (1994 Laurel)


- Cream Bun
- Jealousy
- Brittle Bones
- Sonic Blue


TINY MONROE

lunedì 27 luglio 2009

Tiger "Shining In the Wood"



Singolo d'esordio per i Tiger, ovviamente per la mitica Fierce Panda. E come biglietto da visita non poteva che essere migliore. Un trionfo pop questa canzone che ti entra in testa e non ti molla più! (1996 Fierce Panda)

- Shining In the Wood
- Where's the Love?
- Bicycle

TIGER

Tiger "Race"



Ma che bello questo singolo! E finalmente sul blog è tempo di Tiger (grazie Aurelio!!). La struttura portante del gruppo è data dal suono delle tastiere che si incrociano con le chitarre rumorose e un cantanto un pò stralunato. Gioellini pop come questi singolo, che fu anche il loro maggior successo commerciale, sono assolutamente irresistibili! E poi il cantante assomiglia pure al mio idolo Bruce Campbell!! Yeah!!(1996 Trade 2)

- Race
- Honey Friends
- Time Tunnel Cellar
- I'm In Love With RAF Nurse

TIGER

domenica 26 luglio 2009

The Ultra Montanes "Weird Turn Pro"



E con questo singoletto abbiamo chiuso i post dedicati ai ragazzi di Dublino. In questo singolo c'è una grande b-side che è Metrocentric, davvero una bella cavalcata! (1998 Lakota)


- Weird Turn Pro
- Metrocentric
- Insects


THE ULTRA MONTANES

The Ultra Montanes "Late"



Sempre i cari Ultra Montanes che continuano la loro crociata irlandese, tra chitarre e melodia. A quel tempo però di questa battaglie se ne interessavano ben in pochi. (1997 Lakota)

- Late
- Alien Babies
- Water & Lemons

THE ULTRA MONTANES

The Ultra Montanes "Anyway"



Chitarrone e cantato bello epico. Dall'Irlanda con furore! Ps: la foto che vedete qui sopra è recente, non dei tempi d'oro che riguardano questo singolo! (1996 Lakota)

- Anyway
- Fiat Uno
- Credit Card


THE ULTRA MONTANES

The Ultra Montanes "Ageing Starlet"



Arriva il turno degli Ultra Montanes e questo post è il primo di una serie di una buona serie di singoli del gruppo che troverete sul blog. Chitarre in evidenza per Ageing, super pop Angel Head con i suoi "parapapapa" e il piano sbarazzino e chiusura ottima con l'epica ed eroica Supermarket Ugly! (1998 Lakota)

- Ageing Starlet
- Angel Head
- Supermarket Ugly

THE ULTRA MONTANES

Elettromoka "Rinnamorerò"






IT POP!! E con questo potrei chiudere. No non sto parlando di Alex Britti, sto parlando di Rinnamorerò, singolo di questa simpatica formazione che nel 2001 sfornava questo accattivante biglietto da visita, che poteva esser l'inizio di qualcosa, invece ne fu la fine, pensa te. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, eppure ancor'oggi mi ritrovo a canticchiarla questa canzone: spensierata, estiva, fresca, inutile se volete, ma totalmente IT POP! E così ne sono diventato schiavo! (2001 Sony)

Giusto per sapere di chi si sta parlando:

Gli Elettromoka, originari di Cento di Ferrara, provengono da quella Emilia Romagna che sembra essere terra di talenti musicali per eccellenza, avendo sfornato artisti del calibro di Ligabue, Vasco, Dalla, Zucchero, Carboni, i Lunapop, solo per citarne alcuni.
Il gruppo nasce nell'estate '98 dalla fusione di due realtà musicali dell'Emilia Romagna: Le Mecap, rock-band in cui militavano il chitarrista Massimiliano Rea e Giacomo Esposito (ex bassista dei Blackboard Jungle, gruppo garage-rock di Brindisi) e i Supersonic, gruppo formato dal cantante Michele Forlani.
Nell'agosto del '98 questi due gruppi partecipano al Busker's Festival di Ferrara, principale manifestazione europea per gli artisti di strada; in quest'occasione nasce l'idea di formare una nuova band alla quale, nell'ottobre dello stesso anno, si unirà l'attuale batterista Michele Lambertini, drummer di diverse cover band della zona.
Il gruppo inizia la produzione di pezzi pop-rock di matrice britannica ma con un occhio alla realtà melodica italiana; iniziano anche i primi live e i concorsi musicali regionali e nazionali, tra i quali Musicattiva '99 a Ferrara.
Nell'agosto del '99 registrano il loro primo demo autoprodotto. Nel marzo del 2000 partecipano al Festival di S.Marino, giungendo in finale e iniziando la collaborazione con i loro attuali produttori, Sandro Magri e Saverio Grandi, ex Taglia 42 e stretto collaboratore di un altro emiliano doc, Vasco Rossi.
Il 7 giugno 2001, gli Elettromoka pubblicano il loro primo singolo, dal titolo, "Rinnamorerò", accompagnato da un videoclip, che descrive magistralmente il tentativo di ricominciare, dopo la fine di una storia, a vivere alla ricerca di un nuovo amore. (http://www.rockol.it/)

- Rinnamorerò
- Movimento
- Rinnamorerò (Instrumental version)

ELETTROMOKA

Catherine Wheel "Delicious"







Band con tantissimo talento i CW non riuscirono però mai a sfondare veramente. E ci provarono, passando anche dallo shoegazer degli esordi a un rock musicoloso ma comunque virato verso il pop. Ma niente da fare. Questo singolo è uno dei miei pezzi preferiti del gruppo, tratto da un disco che ebbe buone recensioni, ma non 1 adeguato riscontro di vendite, ovvero "Adam and Eve". Gran bel pezzo rock con un ritornello micidiale! (1997 Chrysalis)

- Delicious
- Future Boy
- Judy Staring ( with Tanya Donelly)
- Heal

CATHERINE WHEEL

venerdì 24 luglio 2009

Gene "Drawn To The Deep End"





Avete voglia di piangere? Avete voglia di commuovervi? Avete voglia di sentire il cuore che batte forte? Ascoltate " Where Are They Now? ". E davvero capirete che cosa vuol dire emozionarsi con una canzone.
E' difficile uscire con un secondo disco all'altezza del primo, se l'esordio è stato magnifico. I Gene ce la fanno. Non raggiungono la perfezione di quel primo magnifico album, ma "Drawn To The Deep End" è giusto un millimetro sotto.
Ma si...si potrà continuare a dire che l'ombra degli Smiths sovrasta il gruppo e che non c'è nulla di nuovo sotto il sole, sempre il solito romanticismo e pene amorose e struggimenti vari. Ma non mi interessa. Non mi interessa perchè qui dentro ci sono dei pezzi con i quali sono cresciuto, dei pezzi che tutt'oggi non hanno perso nulla in fascino e tensione emozionale. Ninne nanne gentili, un singolo grintosissimo, favole elettro acustiche, arrangiamenti preziosi, una canzone epica e drammatica in apertura. E' meraviglia sonora che non stanca mai. E' la musica dei Gene. (1997 Polydor)

A second record can be quite a test. A band must please fans, target new listeners and write music that shows maturity and experimentation. Gene's second studio album, the flawlessly produced Drawn To The Deep End, passes these tests with ease. Drawn offers a Gene more confident, more elegant and even more joyful than on its debut LP Olympian.
The signs are everywhere: singer Martin Rossiter has honed his smooth voice into a heart-melting croon and guitarist Steve Mason has evolved into a veritable treasure chest of gorgeous hooks, crafty transitions and blues-influenced riffs. Bassist Kevin Miles and drummer Matt James play their instruments like we didn't know they could.
Even though Gene's aura continues to hover into near-Smiths-ness, listeners should be able to detect a plethora of alternate influences - including Tears For Fears, the Rolling Stones and even Elvis Presley - pervading the tunes on Drawn.
From the first downbeat, slow-building strums of opener "New Amusements," Gene flaunts the kind of real emotion so appealing in the work of fellow countrymen the Smiths and Morrissey. The seven-minute epic, instantly as creative as any song the band has previously written, moves through four distinct melodies.
Rossiter first lofts breathy commands at his subject, then when his bandmates roar into a peppy whirl, switches to vintage, Bona Drag-era Morrissey to plead he's trying to feel things that no one has ever felt. Next, we're treated to Mason's spacy guitar warblings before the song stomps off into a Zeppelin-like outtro.
Savvy frontman Rossiter sings almost exclusively about love, whether it be his lack of it, his surplus of it or of the raw cries that can only be emitted from a broken heart. His polished delivery affords his lyrics the extra boost the band needed to penetrate our memories. Thus, the sincerity of the slower, ballad-like songs, such as the beautiful "Why I Was Born" and the impassioned "Speak To Me Someone," is the real treat of the album. In the latter, we're back at the prom, with our sweetheart's head resting gently on our shoulder.
But for all its gentle balladeering, Gene isn't afraid to rock. "Voice Of Your Father," another multilayered offering, takes no prisoners with rough-house riffing and venomously delivered lyrics. First single "Fighting Fit" shows off a macho chord progression that follows a pretty piano melody carried throughout the song. At once urgent and playful, Rossiter reminds he will "give as good as I get."
Of the songs that fall in between quiet and raucous extremes, "We Could Be Kings" stands out as the best. Previewed extensively during Gene's 1995 U.S. tour, the song has benefited greatly from Rossiter's backup vocal harmonies and a beefier, throbbing finish. Here, we find the singer at his most vulnerable, asking, "will you hold me like a child / will you catch me when I fall / can you hear me when I call / can you love me?"
Sound-alikes from Olympian aren't too frequent here, although Mason's guitar part on the mellow "Save Me, I'm Yours" sounds a little too much like Olympian's "For The Dead." Despite writing most of Gene's songs in the same general key, Mason has, to his credit, found a way to make each one distinct. On this jazzy number, he borrows a bit from Paul Weller here and from Keith Richards there, fashioning a smooth trail for Rossiter to navigate.
While Gene's style might seem derivative, the strength of Drawn is undeniable, as is the band's vastly improved song writing. And if nothing else, Gene fills a void in current music, speaking to those of us who still believe in the mystery and intrigue of love and rock and roll. While we follow our hearts, sometimes blindly and painfully, it's nice to know Gene will catch us if we fall. (Jonathan Cohen - http://www.nudeasthenews.com/)

As if miffed by the flood of Smiths comparisons their otherwise brilliant debut Olympia garnered, London's Gene call out the dogs, stiffening and toughening their sound for an even more spectacular and far more singular follow-up, the early favorite for 1997's LP of the year. Without changing their style, Drawn to the Deep End expands on it, determined to stretch their boundaries while digging in harder (hiring the ADAM & THE ANTS' old post-punk producer CHRIS HUGHES pays off big time). Right from the emotional rollercoaster of "New Amusements," which goes through several seamless changes (including a brooding piano solo and a vibrating, closing guitar trill riff), anchored by MARTIN ROSSITER's desolate, yearning, guttural vocal, Gene bang you over the head where once they tickled your toes. The smashing, pre-LP single "Fighting Fit" was the hint. It's set to an insistent soul beat that recalls the verses of Smokey Robinson's "Tears of a Clown," dominated by the clap and clamor of STEVE MASON's dazzlingly deceptive guitar work. Drawn then settles in to more contemplative territory (with the exception of the also harried, overloaded "Voice of Your Father," which recalls the breathless rush of their 1994 b-side "This is Not My Crime"), without ever letting go of the monumental forward thrust and edge. "Save Me I'm Yours" and "The Accidental" (featuring a surprising, terrific, guest female vocal solo) are the most touching tracks, so hushed and melancholic yet sweet, they make you fight back tears, a feeling that lurks throughout as Drawn burbles on. There're plenty of other heart tuggers, such as "Where Are They Now," where Rossiter employs a typically mercurial metaphor, comparing being lovelorn and left behind to being "incapable of breathing," over another pulsing, thunder clap pang of Mason and pals. Yow! So much for apathy rock. And never mind heart tugging, there's a passage in "Speak to Me Someone" (which was previewed on Gene's 1995 U.S. tour) that is out-of-the-blue heart stopping, one of those musical moments that makes the room freeze: a simple, screamed "no!!!!" seems to have been pulled by forceps out of Rossiter's lungs, up his windpipe, out through his mouth as if he's been shot. It's clear that the Rossiter/Mason combo is lethal dynamite, and in bassist MILES and JAMES they've got a dynamic rhythm section to make mountains out of molehills. Drawn to the Deep End, as its title implies, is an emotional onslaught, a flood of raw, unfettered, and unfiltered human feeling, an exquisite ebb and flow of earthquakes and temporary serenity. A total, total knockout. (Jack Rabid, The Big Takeover, All Music Guide)

- New Amusements
- Fighting Fit
- Where Are They Now?
- Speak To Me Someone
- We Could Be Kings
- Why I Was Born
- Long Sleeves For The Summer
- Save Me, I'm Yours
- Voice Of The Father
- The Accidental
- I Love you,What Are You?
- Sub Rosa


GENE

Gene "To See The Lights"







Un regalo, un omaggio ai fans. Ecco come lo vedo questo disco, che si trova tra il primo e il secondo album dei Gene. Versioni live che mostrano i "muscoli" di questa formazione, ma anche b-sides pazzesche, criminalmente relegate a lati b di singoli di non facile reperibilità e per questo ripresentati qui e poi versioni nuone di pezzi già conosciuti. Un disco fondamentale, non uso mezzi termini, per entrare ancora di più nel mondo magico dei Gene, un mondo fatto di romanticismo sofferto e malinconico, un mondo di cui noi, anime pop, non possiamo fare a meno. (1996 Costermonger)

The easy joke is, To See the Lights is Gene's Hatful of Hollow. True, the album is a collection of B-sides, non-album singles, radio sessions, and live tracks but, like the Smiths' Hatful of Hollow before it, the album illustrates the band's strengths more effectively than their debut album, Olympian. Several of Gene's greatest songs, including the roaring title track, the anthemic "Be My Light, Be My Guide," and the gorgeous "I Can't Decide If She Really Loves Me," are all rounded up on the album and they are frequently stronger than some of the material that appeared on the album. Also, the live versions of the Olympian singles are better, illustrating that the band can rock with a vengeance. It might appear to be an album designed solely for fans, but To See the Lights is a better, more compulsively listenable album than Olympian. (Stephen Thomas Erlewine, All Music Guide)

- Be My Light, Be My Guide
- Sick Sober & Sorry
- Her Fifteen Years
- Haunted By You (Live)
- I Can't Decide If She Really Loves Me
- To See The Lights
- I Can't Help Myself
- A Car That Sped
- For The Dead (US Version / Remix)
- Sleep Well Tonight
- How Much For Love
- London, Can You Wait
- I Can't Help Myself
- Child's Body
- Don't Let Me Down
- I Say A Little Prayer (Live (1995/Glastonbury Festival)
- Do You Want To Hear It From Me
- This Is Not My Crime
- Olympian (Live)
- Child's Body (Live (1995/The Forum, London) Incl. Hidden Track "For The Dead"


GENE

Gene "Olympian"






Era attesissimo questo disco in Uk nel 1995. I Gene avevano sorpreso tutti con un suono che davvero evocava in modo diretto e spudorato gli Smiths. I loro singoli, ricchi di forti emozioni e di un incantevole calore erano quotatissimi, quindi questo “Olympian” era davvero il momento della verità, e non sbagliarono.
Il poeta Martin Rossiter e il chitarrista Steve Mason riuscirono a trasmetterci uno spirito romantico, evocato da canzoni ricche di tinte umorali e sognanti, certo molto vicine agli Smiths, ma forse con emozioni ancora maggiori. Martin ci parla di delusioni, di amori finiti o difficili, di inquietudini che ogni giorno ci colpiscono, con uno spirito fortemente inglese che si evince anche nei tratti chitarristici di un Mason, così precisi e morbidi e sempre attenti anche al minimo dettaglio.
Tutto funziona così bene che sembra quasi impossibile, a tal punto che il gruppo, a eccezione del valido secondo disco, non saprà più ripetersi su questi livelli.
La accattivante “Haunted by you” apre il disco in modo diretto e preciso, un riff di chitarra sublime e indimenticabile. E poi ecco le splendide ballate elettriche, marchio di fabbrica di questo lavoro, che si dispiegano in tutta la loro melodia “Your Love, it lies” e “Truth, rest your head”. Sfumature più dolci e acustiche per “Still can't find the phone”. Ma il sogno diventa meraviglioso con la struggente “London Can you wait”, con un crescendo centrale che davvero conduce alle lacrime. La musica diventa poesia e si eleva oltre l'emozione pura in “Olympian”, una canzone davvero memorabile, che tra piano e arrangiamenti orchestrali aveva fatto gridare la stampa inglese a una magica fusione tra “Bowie e Roxy Music”. Sublime la conduzione vocale di Martin.
Ancora adesso a parlare di questo disco mi emoziono troppo. Ma allora era davvero impossibile farne a meno. Da avere e da adorare, anche per la splendida e sognante grafica. (1995 Polydor)


Fra i tardi discepoli degli Smiths si contano anche i Gene, una delle grandi trovate pubblicitarie del 1994, messi assieme dal cantante Martin Rossiter (nei panni del Morrissey piu` piagnucoloso) e dal chitarrista Steve Mason (in quelli del Marr piu` anonimo).
For The Dead (Costermonger) e Be My Light sono le canzoncine che li rivelano. Sleep Well Tonight e Haunted By You (forse la migliore) vengono raccolte sull'album Olympian (Polydor, 1995), insieme ad altre stucchevoli imitazioni come A Car That Sped, Olympian, Your Love, It Lies e London, Can You Wait. L'edizione americana dell'album contiene anche i primi due singoli. Il vero deus ex machina e` Mason, un chitarrista fantasioso e sensibile che puo` colorare una canzone tanto di cascate sinfoniche quanto di vagiti country. (Piero Scaruffi - http://www.scaruffi.com/)


Barely a year old, Gene have already attracted the standard amount of instant acclaim in merry old England. In this latest case the critical clamor has cleaved neatly into opposing sentiments: either a rousing "Brilliant. Olympian is indeed the music of the gods!" or a skeptical "Not the Smiths but an incredible simulation." Unsurprisingly, Olympian's reality falls somewhere in between. Gene are a jaunty, garrulous and ardently melodic combo whose elemental resemblance to Morrissey, Marr and Co. definitely borders on the ridiculous.
Everybody's got to steal from somebody at first, so why not ape the most influential British band of the last 15 years? Gene do it better than the scores who've tried before; the resemblance is borne equally of genuine hommage, shameless copping and sheer coincidence. The brunt of the blame rests with frontman and lyricist Martin Rossiter. His foppish demeanor, voluble moping and gay sensibility serve only to enhance his mirror-image-of-Morrissey vocal timbre. Rossiter's songs couldn't be more vivid or tuneful, though. Meanwhile, Gene guitarist Steve Mason recalls the late Mick Ronson (a more recent Morrissey collaborator) rather than the Smiths' Johnny Marr. Mason propels Rossiter's otherwise dainty pop melodramas with sustained explosions; delicate arpeggios erupt into glamish electric leads and gusto-ridden arena riffs.
This formula is most satisfying on "Sleep Well Tonight," a wry-eyed anthem to a pub punch-up, and "London, Can You Wait," on which Mason's gutty crunch underscores an angry declamation of loss and unexpected death. Death – and, it's implied, AIDS – is a repeated subject for Rossiter ("Haunted by You," "For the Dead"). He regards death as bitter injustice and painful reality, not just some bloodless, morbid writer's fixation. The snappy, gorgeous songs remain very much alive, bursting with a passion and aggression that makes Rossiter believable when he warns with that dandy pop voice of his, "Here comes me thunder!" (from "Your Love, It Lies"). Though Gene come off like Badfinger to the Smiths' Beatles at this point, Olympian has plenty to offer of its own – including the potential for uniqueness further down the line. (JASON COHEN - http://www.rollingstone.com/)

Kicking off with the sprightly "Haunted by You," Olympian immediately conjures images of the Smiths, particularly "This Charming Man." Martin Rossiter's voice also sways like Morrissey, yet his band plays their songs as if they were hard rockers, bringing a desperate edge to their best material. Most of Olympian's finest moments were singles -- aside from "Haunted by You," the epic sweep of "Sleep Well Tonight" and the gentle urgency of the title track form the heart of the album; two other singles were added to the American version, including the stellar "Be My Light, Be My Guide." While Gene manages to carve out an identity indebted to the Smiths but not dominated by them, they also fail to produce an album of consistently compelling material -- considering that it's a debut album, that's not a fatal flaw. And Gene's best material shows they are capable of transcending their influences. (Stephen Thomas Erlewine, All Music Guide)

- Haunted by You
- Your Love, It Lies
- Truth, Rest Your Head
- Car That Sped
- Left-Handed
- London, Can You Wait?
- To the City
- Still Can't Find the Phone
- Sleep Well Tonight
- Olympian
- We'll Find Our Own Way
- Fot The Dead
- Be My Light Be My Guide


GENE

mercoledì 22 luglio 2009

Space "Spiders"





Porca miseria se viaggiava alto il singolo degli Space che vedete qui sopra nel video. Una travolgente pop song contaggiosa oltre misura. Poi nel disco ci trovate davvero di tutto..anche troppo per i miei gusti. Ma Piero Scaruffi qui sotto sempre apprezzare! (1997 Umvd Labels)

A meta` degli anni '90 la nuova moda che arriva dall'Inghilterra puo` essere riassunta con il termine "kitsch d'avanguardia". Il pubblico britannico sembra rapito nell'adorazione di tutto cio` che e` "retro`", ma al tempo stesso esige che venga travestito con gli ultimi ritrovati tecnologici. Questo vale tanto per il trip-hop quanto per il brit-pop. Gli Space (Tommy Scott al canto, Jamie Murphy alla chitarra, Franny Griffiths alle tastiere, Andy Parle alla batteria) provengono da Liverpool e soddisfano appieno questa formula. Il loro e` un misto di melodismo brit-pop, di recitazione hip hop, della danza allucinogena di "Madchester" e del gioviale battito sincopato di Madness e Specials.
A lanciarli sono stati tre singoli di notevole caratura. Me & You Vs. The World recupera lo spirito naif e demenziale del bubblegum. Neighbourhood e` una ballad filosofica (le liriche descrivono una galleria di tipi bizzarri) che mescola un tema latino da film di spionaggio con un andamento pigramente reggae. Dagli Spandau Ballet il loro hit Female Of The Species impara come usare la musica leggera di Bacharach (con tanto di marimba, xilofono e fiati, nonche' passo di cha-cha) in un contesto da discoteca. Piu` che i Beatles, il riferimento d'obbligo sono i Kinks, con le loro ironiche vignette di vita borghese.
Spiders (Gut, 1996) raccoglie i singoli e continua in quella direzione. Le liriche sono liberamente ispirate ai film di Quentin Tarantino, e a loro merito va il fatto di saperle immergere in un contesto sonoro appropriato, come nel caso del desolato pessimismo di No One Understands. Gran parte dell'album soddisfa comunque i requisiti dei primi tre singoli, ovvero trasporta in ambito "Madchester" sonorita` fuori moda (il funk psichedelico di Drop Dead, il trip-hop e la filastrocca da music-hall di Mr. Psycho, l'organo gospel e il sintetizzatore sinfonico di Voodoo Roller). Esemplare del loro metodo post-moderno e` come Major Pager ricicla Bob Dylan, Byrds e Rolling Stones (la Sympathy For The Devil). Per finire, Growler e` semplicemente uno strumentale di sfrenata musica techno.
Nulla di speciale, ma due spanne sopra la media del brit-pop di oggi. (Piero Scaruffi - http://www.scaruffi.com/)

- Neighbourhood
- Mister Psycho
- Female of the Species
- Money
- Me and You Versus the World
- Lovechild of the Queen
- No-One Understands
- Voodoo Roller
- Drop Dead
- Dark Clouds
- Major Pager
- Kill Me
- Charlie M
- Growler

SPACE

The Gloria Records "A Lull in Traffic [EP] "








Odio i Radiohead! Vi chiederete perchè inizio con questa frase il post sui Gloria Records del divino Chris Simpson? Beh, ve lo dico subito.
Queste sono le canzoni che avrebbero dovuto fare i Radiohead dono "Ok Computer", invece impazzirono e si misero a comporre un disastro dietro l'altro: dischi dove il guitar pop rock degli esordi scompariva sotto nenie elettroniche, sperimentalismi, noia infinita, chitarre dimenticate e York che geme più che cantare. No, io non ci sto.
Ecco perchè mi misi a cerare qualcuno che potesse rimepire quel vuoto e finalmente le mie orecchie trovarono la pace dei sensi.
I Gloria Records sono i "figli" dei Mineral, avendo al loro interno Jeremy Gomez e Chris Simpson (entrambi appunto nei Mineral), ma il discorso qui è piuttosto lontano dal precedente gruppo. L'entità emotiva, il sentimento devastante, la malinconia, la passione quelle sono le stesse, ve lo assicuro, ma la forma cambia. Aumentano le chitarre acustiche, compare l'elettronica, aumenta anche il tasso di "pop", ma non certo sbarazzino o usa e getta, diciamo che le melodie diventano gioielli che ci abbagliano per intensità e luminosità, sia nelle parti più grintose, sia nei momenti dove la carica malinconica è altissima. E poi c'è questa voce sublime, che entra nel cuore e nell'anima, ve lo assicuro. Da brivido per esecuzione e contenuti così maturi e personali. Si, questo è proprio l'indie pop che avrei voluto sentire dai Radiohead dopo "Ok Computer", un disco molto bello che già conteneva i primi segnali di una sperimentazione che purtroppo il gruppo avrebbe portato all'eccesso, perdendo totalmente un filo che invece i Gloris Records hanno ben saldo in mano. Uno dei miei dischi preferiti di sempre. Ve lo assicuro. (2000 Crank!)


- A Lull In Traffic
- The Arctic Cat
- Tired And Unispired
- Miserere
- A Bye


THE GLORIA RECORS

martedì 21 luglio 2009

Straw "Five Songs From Their New Album - Keepsakes"







E' sempre triste quando i gruppi mollano tutto. A maggior ragione se erano già pronte a fare qualcosa di nuovo. Ne è il caso questo promo degli Straw. Cinque pezzi di un disco (Keepsakes) che non uscirà mai. Magari non saranno canzoni memorabili, ma accidenti....che peccato.
Vi aggiungo pure 2 video, uno di un pezzo presente fra i cinque, il secondo invece, che si intitola "Watching You Sleep" sarebbe dovuto essere il primo singolo del disco e non è compresa fra i cinque! (2000 Sony)

- Sailing Off The Edge Of The World
- In & Out
- Be Careful
- This Is The Future
- Flowers On A Lampost


STRAW

Sushi "Un Mondo Terribilmente Volgare"



Oscuro, difficile, triste, malinconico, bellissimo. Ecco in sintesi il nuovo lavoro dei Sushi. Sono i Sushi del primo disco? Si e no. Si perchè la formazione è quella e la voce di Otti è sempre li a cantare di sconfitte personali e momenti bui, accompagnata da Ale, Paolo e questa volta anche da Ciuski. No, perchè il suono perde in scintillio pop, ma acquista in personalità, in una carica oscura e in una tensione fortissima per tutto l'album che ci fa entrare i pezzi davvero in profondità. Impossibile non entrare in sintonia con le parole scritte da Ale e musicate con tanta carica emotiva. Doveva essere il disco che li poteva lanciare, fu il loro ultimo episodio.
Peccato. E lo dico sinceramente. (2001 Mescal)

Piace e convince questo secondo disco dei torinesi Sushi. A due anni di distanza da "Un leggerissimo disturbo da panico", Ale, Otti e Paolo tornano prepotentemente sulla scena, con l'aggiunta definitiva del quarto elemento, Ciuski, alla batteria.
"Un mondo terribilmente volgare"contiene dodici brani decisamente più maturi rispetto a quelli contenuti nel precedente lavoro: laddove in precedenza i suoni puntavano dritti alla new wave elettronica anni Ottanta ed erano tutto sommato 'semplici', oggi il Sushi-sound è più complesso, elaborato, energico. E' più rock, più industriale, più dark.
Un'evoluzione in crescendo anche nei testi, decisamente più introspettivi e 'negativi', ma per questo utili ad esorcizzare evidenti contrasti interiori del suo autore. La fine è un nuovo inizio, ci dicono Otti e soci, come la fine di una storia trova l'inizio di un'altra, come succede in ogni vicenda umana. L'apertura, con "La fine", fa subito intuire la nuova direzione dei Sushi, un rock industriale molto vicino all'ondata elettronica tedesca. Aleggia lo spirito degli Ustmamò su tutto il disco, anche se il quartetto torinese riesce in qualche modo a personalizzare il risultato finale. Ne troviamo traccia in "Non riesco ad essere perfetta", uno degli episodi più interessanti del cd assieme a "Sono nelle tue mani" e soprattutto a "Un pomeriggio di maggio". Quest'ultima è a mio modesto parere un brano da sogno, con la voce delicata di Otti accompagnata dal piano, dalle tastiere, dal flauto e dall'arpeggiare della chitarra (tra U2 e Red Hot Chili Peppers). Ed è anche romantica, seppur malinconica per la solita storia d'amore finita male (gli abbandonati ne potrebbero fare un inno…).
Si distinguono anche "Tienimi con te" (con un ritornello che resta in mente subito e strofe rappate, con finale in crescendo) e "Nessuna speranza", brano conclusivo strumentale con piatti cinesi, tamburi e piano, per rappresentare una Cina tra l'avanguardia e la tradizione).
Togliendo dal mucchio "Credevo di potermi fidare di te" e "(6)", un po' prive di 'anima', come quei brani senza sapore che non provocano emozioni, il resto è di ottima qualità, toccando persino il mondo tecno-tribale ("Fare parte del g.u.") e quello contemporaneo di Cure e Siouxsie and the Banshees ("Il cerchio (senza alcuna via di fuga)").
Insomma, un lavoro maturo, ben curato, attento più ai particolari che alla ricerca della melodia da classifica (che in sporadici casi, comunque, non manca). Necessita un ascolto attento, questo secondo album della formazione piemontese, e con molta attenzione si riesce a farsi trasportare dalle emozioni che suscita. Se tutta la tristezza di fondo che permea l'intero lavoro conduce a questi risultati, beh, forse c'è da augurare al gruppo torinese altre sventure sentimentali… (Christian Amadeo - http://www.rockit.it/)

- La fine
- Vittima della timidezza
- Non riesco ad essere perfetta
- Sono nelle tue mani
- Un pomeriggio di maggio
- S_tensione morale
- Fare parte del g.u.
- Credevo di potermi fidare di te
- (6)
- Tienimi con te
- Il cerchio (senza alcuna via di fuga)
- Nessuna speranza


SUSHI

lunedì 20 luglio 2009

Urusei Yatsura "Everybody Loves..."



Ultimo capitolo sulla lunga distanza dei magnifici UY, che come sempre viaggiano per la loro strada sonica e pagano i commoventi tributi ai loro eroi di sempre. Il classico disco che non dice nulla di nuovo sul gruppo, ma che non avere in discografia è un sacrilegio! (2000 Oni)

Of course everybody does. Until it's time to reel in the wallet chain and buy the actual records. Whereupon 'everybody' suddenly remembers they're washing their hair tomorrow night and never calls again.
So after an EP-long stint on Beggars Banquet, the squally Glaswegian wunderkind are releasing their third - and most accomplished - album on their own Oni label. Depending on the size of your fanzine collection, this is either a Delgados-style DIY triumph, or proof positive that Urusei's serrated lo-fi pop will never take over the world.
A shame, because in theory there's a Pavement-shaped vacancy at the heart of guitar pop, and Urusei - vanity publishing or not - should be a shoo-in. Indeed, the fx-warped 'Silver Dragon' aside, 'Everybody Loves...' boasts more thrilling Velvets- style chug-pop and less navel fuzz than ever before. Songs like 'Louche 33' and 'Eastern Youth' scrap Urusei's more spattery excesses for tunes, tambourines and Mary Chain 'sha-na-nas', with no loss of cool. 'Our Shining Path', meanwhile, is as fierce a guitar feeding frenzy as they've ever written. There are useful experiments, too: beanpole heartthrob Fergus Lawrie's sweet alienation ballad, 'Sores', and Graham Kemp's analogue haiku, 'Osaka White'.
Twelve reasons, in short, to fall in love with Urusei all over again. By rights, they should be adored, showered in small Japanese wind-up toys and fanned with rare comics. You fear, though, that in these cruel times, they'll be roughly used, and then hit for a cab fare home.
7 out of 10 (http://www.nme.com/)


Se gli scozzesi Urusei Yatsura sostengono di essere amati da tutti avranno certo le loro buone ragioni. Se poi queste dovessero risultare poco chiare e plausibili a fronte delle prolungate vicissitudini discografiche che il quartetto ha dovuto attraversare prima di risolversi infine a fondare una propria etichetta, ebbene ci sono queste dodici nuove canzonette impertinentemente melodiche e maliziosamente rumorose a confortare e sostenere tale opinione.
Loche 33, ad esempio, sembra messa apposta lì per consolare chi non s'è ancora dato pace per la decisione dei Pavement di andare in vacanza ad interim e Eastern Youth è la ninna nanna che ogni adolescente in amore vorrebbe ascoltare prima abbandonarsi alle proprie fantasticherie sentimentali.
Ancora più gentili sono poi le maniere di Uji Bomb, intonato quasi sottovoce su un elementare accompagnamento di chitarra interpuntato da poche calibrate note di pianoforte, almeno fintantoché i watt non si presentano nel bel mezzo del tema a reclamare quelle prerogative che Our Shining Path riconosce loro subito dopo un breve e sghembo preambolo elettronico e che viceversa Kubrick In Town torna abilmente a rintuzzare virando verso espressioni care a quel Lou Reed che non sembra affatto estraneo neppure al clima velvetiano di Sores, il brano più ombroso e visionario dell'intero lotto.
Insomma, più amabili di così? (Elio Bussolino - http://www.kwmusica.kataweb.it/)

- Louche 33
- Eastern Youth
- Superdeformer
- Silver Dragon
- Uji Bomb
- Our Shining Path
- Kubrick In Town
- Random Cruise
- Faking It
- Thank You
- Sores
- Osaka White

URUSEI YATSURA

Veruca Salt "Eight Arms to Hold You"





Che gruppo, che gruppo! No...non fate i soliti denigratori dicendo che in realtà mi piacciono solo per le due fanciulle! Mi oppongo. Seguo Veruca dai loro esordi...indie rock americano tagliente e filo Breeders che in questo secondo disco diventa anche magnificamente potente e corposo grazie al lavoro di Bob Rock in regia, e i rimandi a gente come Smashing Pumpkins non sono detti a caso.
Tra power pop e scintille hard rock il disco va che è un piacere!
Adrenalina rock in Volcano Girls, ma anche gioelli pop rock come Awesome o With David Bowie. E poi una ballata incantevole come Benjamin....insomma va a finire che per un motivo o per l'altro cito tutti i pezzi.
Il video qui sopra è del mio pezzo preferito del disco!
Certo che Louise Post era davvero bellissima....me la guardo in questo video e ne sono innamorato pazzo.
Che dispiacere quando le due fanciulle presero strade separate. (1997 Outpost Records)

- Straight
- Volcano Girls
- Don't Make Me Prove It
- Awesome
- One Last Time
- With David Bowie
- Benjamin
- Shutterbub
- The Morning Sad
- Sound Of The Bell
- Loneliness Is Worse
- Stoneface
- Venus Man Trap
- Earthcrosser


VERUCA SALT

sabato 18 luglio 2009

The Drum "Diskin"



Ancora oggi non mi spiego. Figuratevi quando comprai il disco appena era uscito. Avevo letto recensioni di un suono totalmente cambiato (oltre al nome ovviamente), ma non ci credevo, non potevo credere che quel meraviglioso pop punk dei China Drum fosse diventato qualcos'altro. Ebbene dopo il primo ascolto mi dovetti ricredere. Novello S. Tommaso, perchè fino a che non lo sento e non lo vedo non ci credo, quella volta presi una delle delusioni più cocenti delal mia vita. Si i The Drum non avevano più nulla dei "vecchi" China Drum. Il loro suono era totalmente cambiato. Qui sotto trovate recensioni che lodano il disco, più o meno.
Io invece lo stroncai e lo stronco dall'inizio alla fine. Sperimentale ma senza direzione, noioso, sporcato (e rovinato) di elettronica e chitarre ruvide ma mai un pezzo brillante che sia uno. Fu davvero una fine ingloriosa per quel grande gruppo che erano! (2000 Mantra)

Album di debutto che non è un debutto, ma in fondo lo è. Perché i The Drum sono la stessa formazione che si faceva chiamare China Drum e che, in una decina di anni di attività, ha sfornato due album ispirati all'hard-core degli Hüsker Dü, guadagnandosi il seguito di una fedele base di fan. Dopo un periodo di inattività, il gruppo torna con questo nuovo album e con un nuovo nome. E il cambiamento non è solo una questione linguistica, ma di sostanza, perché coinvolge direttamente la proposta musicale del gruppo. Certo, i fan della prima ora saranno forse delusi nel ritrovare nella forma lo stesso gruppo, ma nella sostanza un sound così differente. E i China Drum, coerentemente, cambiano nome proprio per questo, perché sono un altro gruppo e perché è cambiato il loro suono, e per il meglio. Con "Diskin", infatti, i The Drum abbandonano il fondamentalismo punk-rock degli inizi e abbracciano un suono che mescola rock e tecnologia, alla maniera dei Nine Inch Nails, per fare un nome, o degli Slipknot, per farne un altro. Una sorta di heavy metal reinventato con un tocco di novità, con un occhio, cioè, alle sonorità più avanzate. A partire da "HK", la traccia che apre l'album, il disco è un susseguirsi di chitarre che sanno martellare e poi improvvisamente accarezzare, di pezzi che funzionano, perché dotati di un giusto equilibrio, inanellati in una tracklist che alterna in un continuum momenti di relativa "tregua" ("Biff Malibu") a vere e proprie esplosioni ("Reasons"), usando trucchi dell'elettronica e distorsioni della voce, presenti in quasi tutti i brani dell'album. Un disco dalla sostanza rock anni '90, come dimostrano brani come "Dogpile", "Diskin" e "Go there today", in cui protagoniste indiscusse sono le chitarre, la batteria e la voce. Un nuovo inizio promettente per una band che è riuscita nel difficile compito di reinventarsi da capo. (www.rockol.it)

The Drum have dropped the 'China' from their name and, to stretch the metaphor to breaking point, yep it's a hell of a racket. There's a picture of a bloody big bull elephant on the front cover and that's about as subtle as it gets here kids. Loud, angry and insistent 'Diskin' is probably at its best heard leaking from the CD Walkman of the big-shorted chap sat next to you on the tube.
It's not all cacophony and mash though. The title track is a fuzzy-wuzzy fist of wooz built on one filthy chord chug ripping in on itself like a battalion of pissed bees, The Stooges swapping greasy licks and Pokemon cards with Dandy Warhols. And then somebody has to ruin the whole giddy mess by SHOUTING all over the top in a petulant frat-boy whine. Which is pretty much the story of the whole album. Witness the great melody line that threads itself through 'Reasons'. Just when things are getting a touch too limp-wristed and poppy and, you know, Ennngleshhhh, The Drum go and throw in some brutal bum-in-a-hot-bath screeching just to remind us that hey, they're not really fags and they still like all that regular stuff like titties and beer. Yawnnn….
Far more interesting is the gentle jazz-tinged 'The Beast', not unlike in fact 'Synchronicity' period Police. Until 5 minutes in, that is, when that angry bloke starts unburdening himself again. Better than Blink 182 and Slipknot then for its willingness to throw a few obtuse shapes in amongst all the same old ballyhoo and bluster, but so far short of what it could have been if they'd only had the balls to go tell the mosh-pit where to stick it. Better than Slipknot??? Jeez, is that a backhanded enough compliment for you?? (http://uk.launch.yahoo.com/ - Jackie Flynn)


- HK
- Mamsta
- Biff Malibu
- Horns Front
- Dogpile
- Diskin
- Reasons
- Cake
- Go There Today
- The Beast
- Head
- Beautiful Lift

THE DRUM

Velvet Crush "In The Presence Of Greatness"



Esordio dei Velvet, ma le idee erano già chiarissime. Power Pop elettroacustico, melodie pazzesche incastonate in gioiellini belli sparati si alternano a momenti un pò più riflessivi, insomma un disco con un suono ultra pop nel più classico dei modi, un suono buono per saltare, per fare a pezzi il salotto di casa vostra ballando, ma anche qualche momento per rifiatare non manca. Se amate i Teenage Fanclub, dai, è il vostro disco. Se odiate i Teenage smettete di frequentare questo blog! (1992 Ringers Lactate)

Pure Piero Scaruffi dice la sua...

L'inesauribile scuola power-pop di Boston apri` gli anni '90 con il sound fresco e intrigante dei Velvet Crush. Paul Chastain (basso) e Ric Menck (batteria) erano due veterani che hanno suonato in tanti complessi amatoriali. Trasferitisi a Providence, nel Rhode Island, e fatta amicizia con il chitarrista Jeffrey Borchardt, diedero vita ai Velvet Crush che esordirono con il singolo Ash And Earth (Bus Stop, 1991).
In The Presence Of Greatness (Ringers Lactate, 1992 - Action Musik, 2001) e` un album di pop all'antica, le cui Drive Me Down, Window To The World, Blind Faith, White Soul, Superstar rispolverano gli annali di Big Star, Kinks, Beach Boys e girl-groups.


- Window To The World
- Drive Me Down
- Ash And Earth
- White Soul
- Superstar
- Blind Faith
- Speedway Baby
- Stop
- Asshole
- Die A Little Every Day

VELVET CRUSH

venerdì 17 luglio 2009

Bmx Bandits "Star Wars"



Duglas T. Stewart ha talento. Da vendere. Il bello è che tre quarti dei gruppi che spopolano nelle classifiche un talento del genere giusto giusto se lo sognano. Canzoni d'amore, piccole perle elettro acustiche per i nostri cuori malinconici. Amate questo disco. Fatelo per voi. (1991 Vinyl Japan)

- Come Clean
- Think Tank
- Smile for Me
- Green Grow
- Retitled
- Life Goes On
- [unlisted theme]
- Disguise
- Students of Life
- Extraordinary
- Do You Really Love Me?
- The Sailor's Song
- Star Wars
- Come Clean [Funky Train mix]

BMX BANDITS

Miles "Miles"



Ancora una volta il tripudio pop targato Miles. Senza dubbio un disco ricco di sorprese e di melodie pazzesche. A scuola di pop, dai Teenage Fanclub ai Pet Shop Boys, con un guitar pop che conquista e arrangiamenti da 10 e lode. In un mondo perfetto sarebbero stati i veri re del pop...altro che Michael Jackson!! Sotto un breve articolo di Rockol sul gruppo in merito all'uscita di questo disco... (2000 V2)

Esce domani, 28 settembre, il terzo disco dei Miles, la band tedesca composta da Tobias Kuhn, Mike Silver, Ronny Rock e Renè Hartmann. Il cd si intitola semplicemente “Miles”, perché “adesso possiamo dire di essere in grado di fare della buona musica, della musica che rappresenti ciò che noi vogliamo dire: chi ascolterà questo cd potrà dire di avere ascoltato la musica dei Miles”, spiega il leader della band Tobias, che Rockol ha incontrato a Milano.
Fino ad oggi la band ha seguito un percorso potremmo dire da autodidatti: tutti tranne Ronny, il batterista hanno imparato a suonare… suonando, appunto.
La storia dei Miles inizia dieci anni fa, quando Mike e Tobias, 15enni compagni di scuola, decisero di mettersi assieme per suonare, come spesso avviene a quell’età. Da lì a poco si aggiunsero Ronny (batterista) e Renè (bassista). Gli esordi furono come quelli di tanti: demo tapes inviati a varie case discografiche, e tante porte chiuse. Tanto che con Sigi Schuller, loro manager, decisero di creare un’etichetta, la Spool Records, con la quale pubblicarono il primo disco “Baboom” (1994). Seguì “The day I vanished” (1998).
Oggi, anticipato dall’uscita dei due singoli “Perfect world” e “Sonic 2000” sono pronti il disco nuovo e il tour che li porterà in giro per tutta Europa (Germania, Austria, Olanda, Svizzera e Italia) e in Giappone: “i giapponesi –spiega Tobias– sono abituati a vivere in una società che tende a reprimere l’individuo, perciò sono più propensi ad ascoltare generi musicali diversissimi tra loro”.
Non per distinguersi dalla grande massa, i Miles fanno propri generi musicali diversissimi tra loro come rock, pop e indie. “È stato un approdo naturale: ognuno di noi contribuisce alla realizzazione del disco, chi scrivendo i testi delle canzoni, chi arrangiando la parte strumentale, chi lavorando al nostro sito internet www.miles-music.net”. E il risultato è una fusione armonica di questi generi, a partire da “Perfect world”, che per certi può sembrare un trait d’union tra i Beatles e i Pet Shop Boys, fino a “Bogota”. E se gli si chiede se li secca essere soggetti a continui confronti rispondono: “sappiamo che è un pallino dei giornalisti, come sappiamo che quando ascoltiamo la nostra musica è completamente diversa da quella cui ci paragonano”. (www.rockol.it)

- Disco Queen
- We Need More Close-Ups
- Sonic 3000
- Bogota
- Barracuda
- Perfect World
- Where Does It All Belong To
- I Can Hear Music
- Build Up A "Connaissance"
- Baboon
- Grasshopper's Gone


MILES

mercoledì 15 luglio 2009

Poli Opposti "Elettroparty"



Beh, questa è una chicca. Cosa ti (mi) ho scovato in mezzo al mio disordine totale? Il mitico singolo di un pezzo che mi faceva letteralmente impazzire, e c'è il buon Vanoli che sa bene la mia passione sfrenata per questo pezzo!! C'era questo video travolgente e la cantante che me la ricordo molto carina (e io cedo di fronte alla fanciulle musicali..che ci posso fare?) e poi vai con la versione remix del pezzo (e i suoi Ye Ye!!!). Chitarre rumorose ma che fanno sorridere, basi elettroniche festaiole e tanta voglia di fare casino!!! Si, tutti a fare 1 elettroparty!!!! (1999 BMG)

- Elettroparty [Watt-En Mix]
- Elettroparty [Album Version]
- Smetterò

POLI OPPOSTI

Madreblu "Necessità"








Raffaella De Stefano e Gino Marcelli avevano avuto un buon successo con il loro album d'esordio e così nel 1999 esce il secondo lavoro per la loro formazione, i Madreblu, autori di un buon pop elegante e melodico. Niente di impegnativo, ma buone melodie che sanno farsi apprezzare (il ritornello di Reiko ne è un valido esempio), basi morbide e ben arrangiate con un cantanto che vi si adagia sopra in buona maniera. Mi ricordo che avevo sentito questi pezzi dal vivo in un bel concerto vicino a Verona con mio fratello (finale con tanto di bolle!!) e mi avevano felicemente colpito e l'album aveva mantenuto queste premesse! Dopo un terzo disco passato inosservato la De Stefano sta tentando una carriera solista. (1999 EMI)

I Madreblu nascono nel 95 ed esordiscono nell'ottobre del 97 col cd "Prima dell'alba". Il loro prodotto viene accolto con discreto interesse, affiancandosi alle proposte di altri gruppi emergenti e "raffinati" (Scisma su tutti). Ma chi li ha visti dal vivo l'anno scorso, si sarà accorto della brevità del concerto dei Madreblu che, per quanto musicalmente maturi, nell'ora di musica che proponevano erano costretti a fare almeno 2 bis e una cover... Ma da oggi possono sicuramente suonare di più, perchè al loro repertorio si aggiungono gli 11 pezzi di questo nuovo album.
"Necessità" è un disco pop, nel senso di melodico e armonioso, non proprio commerciale, ma piuttosto spensierato e trasognato. E' un disco notturno, a tratti raffinato a tratti più facile; un disco da viaggio, con testi personali, che mirano a descrivere sensazioni senza essere scontati o banali... La voce di Raffaella Destefano ha trovato una strada personale anche se ricorda per certi versi (in "Primanotte") quella di Dolores dei Cranberries, ma è più pacata e manca decisamente l'attitudine rock della cantante irlandese.
Negli arrangiamenti le parti di tastiera sono abbondanti e massicce: archi, synth, suoni elettronici, orientali, sono tutti in mano al tastierista Gino Marcelli, che rende il suono abbastanza omogeneo per tutto il cd. Il risultato è un disco ricco di atmosfere soft, un po' ovattate anche nei brani più veloci ("Bargiallo") in cui non c'è molto spazio per chitarre, basso e batteria che sono sempre in secondo piano.
E' difficile segnalare quale brano mi abbia colpito di più... forse la traccia più raffinata è la ghost track (stateci attenti!) che insieme a "La vera entità" è il brano più pacato, un po' malinconico e sussurrato, ma a suo modo forte. (Rockit - Giulio Pons)

- Certamente
- Reiko
- Bargiallo
- Primanotte
- La vera entità
- Non mi basta (monologo)
- L'amore sfiorato
- Nuda
- Necessità
- Calma
- ghost track


MADREBLU

Miles "The Day I Vanished"



Dio salvi Tobias Kuhn. Talento pop di altissimo valore il suo, messo in campo in questo secondo lavoro dei fantastici Miles che partivano da una base di solido guitar pop alla Teenage Fanclub per avventurarsi anche in territori più sperimentali, ma sempre all'insegna della melodia, quella più cristallina. Ancora una volta la Germania ne esce vincitrice! (1998 V2)

- Pretty day
- Bubaker
- Astronaut without a cause
- Magic touch
- Happening
- Birdmen
- My friend Boo
- Circus sideshow
- Film music
- Lovesong
- Girl from Pasadena


MILES

martedì 14 luglio 2009

Mao "Chinese Take Away"






Singolo della travolgente Chinese Take Away che conteneva anche 3 inediti tutti prodotti a Casa Sonica da Max Casacci. Fra queste merita attenzione Aranciata, che veniva proposta anche dal vivo e che davvero era molto accattivante (e poi è diventata un vero tormentone per me e Vanoli).
Certo che CTA è proprio una canzone clamorosa!! (1998 Virgin)


- Chinese Take Away
- Aranciata
- Terno All'8
- Scossa
- Chinese Take Away (Drum'n'Bass remix)


MAO

Pulp "Fiction Romance"



Ottimo bootleg dei Pulp che unisce 1 qualità sonora davvero invidiabile ad 1 esecuzione davvero in palla del gruppo, che sfodera 9 pezzi che definire classici è dire poco. La dicitura del bootleg è piuttosto vaga "Recorded live on tour 1994", quindi non sappiamo bene da quale concerto sia tratto (probabilmente il tour che anticipava l'uscita di Different Class, del quale già venivano proposti pezzi live), certo che comunque tutto fila a gonfie vele e se chiudiamo gli occhi per un attimo ci sembra davvero di avere Jarvis davanti a noi che si muove sul palco e il tempo ritorna all'uscita di un disco fondamentale come "His'n'Hers". Che momenti. (1994 KTS)

- She's A Lady
- Lipgloss
- Razzamatazz
- Underwear
- His'n'Hers
- Common People
- Joyriders
- Do You Remember The First Time
- Babies


PULP

The Junket "Lux Safari"






Stavolta la recensione (del Melody Maker) l'ho messa sopra delle mie abitudinali chiacchiere. Parole belle e importanti per un disco che a suo tempo mi aveva conquistato. I Junket avevano idee da vendere. Taglienti e cupi come i Fugazi, ma con quell'occhio al pop, magari non così diretto, ma incisivo, che non poteva non colpire al primo ascolto. Questo è il loro ultimo disco. (2000 Lime Street)


- Adolessence
- Night With Red
- 59 Rope
- Panic & The Queen
- Ten Times
- Stupid Hook
- Female Low
- Second On Patrol
- Cagebirds
- Brother/Sister

THE JUNKET

lunedì 13 luglio 2009

Delakota "One Love"



Cass Browne and Morgan Nicholls due ex membri dei Senseless Things decidono di dare vita ai Delakota. Gruppo che potremmo definire dance, ma come nel caso dei Primal Scream sono le contaminazioni a farla da padrone. Elettronica, baggy, indie guitar pop...il tutto sapientemente dosato e il gioco è fatto e così i paragoni con Happy Mondays, Stones Roses e Primal Scream si sprecano. Buone le recensioni per questo esordio. Poi il gruppo svanisce. Mah. (1998 Go Beat)

- C'mon Cincinnati
- I Thought I Caught
- Too Tough
- 555
- Rock
- Stealy
- Brothers
- On The Trail
- Metallic Blue
- Hook Line And Sinker
- End Of Line
- Show Me The Door


DELAKOTA

Ben & Jason "Emoticons"




Capolavoro elettro acustico per Ben & Jason, che nella loro carriera hanno realizzato dei dischi davvero magnifici, ma hanno decisamente raccolto meno di quanto meritavano. Se penso che buffoni come Turin Brakes prendevano consensi e salivano in classifica e B&J rimanevano nell'ombra, beh, mi viene rabbia. E lasciamo perdere il NAM...lasciamo perdere i noiosi KOC (occhialone maledetto che tu possa morire!!)....concentriamoci su questa meraviglia, su questi arrangiamenti, su melodie senza tempo. Mi ripeto: un capolavoro. (1999 Go Beat)

Their moniker makes them sound like idealistic ice cream merchants, but they're mentioned in the same breath as Nick Drake since Robert Kirby, Drake's string arranger, scored the opening track on their previous album, 'Hello'. London's Ben & Jason slyly evade single comparisons.
Sometimes they remind you of Paul McCartney in his White Album period, as on the unassuming but irresistible 'Air Guitar' or on the superficially jolly but sour-centred 'Dear Sally'. Elsewhere, they're reminiscent of Radiohead, on 'Smiling Shy' or 'Romeo And Juliet Are Drowning' with its petulant, out-of-character guitar wig-out. But we're talking about a less windy, less dramatised Radiohead.
Ben Parker and Jason Hazeley cite John Martyn and Joni Mitchell as influences. Like them, their songs don't just move you, they're songs that you move through, full of over-matter, juxtapositions, thick curtains of chamber strings. This album was recorded in a cluttered railway arch and it properly, physically reflects the mess their heads were in when they wrote it. Yet in spite of the weight of sheer stuff in their songs, there's a winsome lightness about Ben & Jason - whether it's the touching inadequacy of Jason's falsetto vocals or the artful wit with which these songs are composed and constructed. Emoticons drifts about on a shifting sea of sentiments but, light craft that it is, refuses to go under.
8 out of 10 (www.nme.com)

- Widows Walk
- Air Guitar
- Smiling Guitar
- Cartoon Heart
- Say Come
- What I Meant To Say
- Emoticons
- Trapped Behind The Glass
- Halfway Up A Tree
- Romeo And Juliet Are Drowning
- Dear Sally
- I'll Always Want You
- Play For Today

BEN & JASON

Tobacco "Don't Deny Your Weakness"



Zachary Johnson è uno che con il pop ci sa fare. Eccome. Nel post precedente abbiamo visto il suo lato più guitar pop, quello sonico se vogliamo, con i Readymade, in questo post invece ecco i Tobacco, gruppo che condivide insieme a Daniel Riedl (che suona nei Rekord and Darlo). Le atmosfere si fanno decisamente più acustiche e malinconiche. Ma la mano rimane quella felice, non vi preoccupate. Questo è il loro esordio. (2000 Rewika Records)

- R.I.O.J.A.
- Alone At Last I Want To Be In The Crowd Again
- License To Be
- Return Flight
- For All Occasions
- Star-Spangled Ceiling
- Slow Down And Think It Over
- We're Prepared
- Who's Gonna Rock On?
- To Break Even Again
- Tobacco's Accidental Crash With The Girl From Sisela
- If You Leave


TOBACCO