domenica 31 gennaio 2010

Fool's Garden "Go and Ask Peggy for the Principal Thing"



Si possono dire tante cose su un disco, ma certe volte bastano ben poche parole. Bello, semplice, immediato e pop. Ecco la parola magica, senza tante sperimentazioni o alchimie. Il pop vince. Il pop fatto di melodie immediate, di chitarre gentili che percorrono forse strade già battute mille volte...e allora? Sono queste le strade che voglio percorrere! Buon ascolto! (1997 EMI)


- The Principal Thing
- Emily
- Why Did She Go?
- Why Am I Sad Today
- Martha My Dear
- And You Say
- Probably
- Nothing
- When the Moon Kisses Town
- Rainy Day
- Northern Town
- Good Night


FOOL'S GARDEN

3 commenti:

  1. Grandissimo Ricky (io amo quest'uomo)!
    Dio quanto ho sognato su questo disco...

    E c'ho una fissa: la (bellissima) Northern Town, già dall'attacco, suona come fosse la coda finale di una canzone che non c'è, che non abbiamo ascoltato, che per me è l'ultimo ballo lento della nostra adolescenza. 'Sto delirando?

    Ah, ne approfitto per invitarti, se mai ti andasse, a visitare e commentare il mio blog, che per me sarebbe un onore.

    Grande Ricky!

    RispondiElimina
  2. Gentilissimo come sempre.
    Il tuo blog l'ho già visto....bello ricco di contenuti, spunti e idee. Da leggere con calma e attenzione. Decisamente tanta carne al fuoco. per ora io mi sono concentrato sulla musica e anche li c'è davvero tantissimo da leggere!!
    Bel colpo Acid, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ho avuto poco tempo per esplorare il tuo blog, ma mi sembra davvero ben fatto! Poi l'argomento è totalmente nelle mie corde.

    I Fool's Garden sono così brit che quando ho scoperto che sono tedeschi, beh... Ci sono rimasto davvero sorpreso!
    Quest'album (che, tra l'altro, mi è stato caldamente consigliato dal suddetto Acidshampoo) l'adoro, specie per gli arrangiamenti e i cori (quelli di "Why am I sad Today" mi ricordano un canone di musica classica).

    Secondo me - ma posso sbagliarmi - nel loro rigore compositivo (che non è assolutamente freddezza), si sente la loro provenienza teutonica.

    Lunga vita ai Fool's Garden!

    PS: Se hai tempo, da' un'occhiata anche al mio blog. Sono un neofita e mi farebbe molto piacere.

    RispondiElimina