mercoledì 30 giugno 2010

Friday Star "Split EP"



A suo tempo fu una gustosissima anticipazione di un primo disco che attendevo con tanta ansia, non a caso dopo aver sentito questi quattro pezzi decisi di intervistare i ragazzi per la mia trasmissione a Radio Popolare Verona e mi misi a fare una pubblicità forsennata ai ragazzi, passando i loro pezzi a più non posso.
In questo split con i belgi Square One, i Friday Star dimostravano che la via battuta era quella giusta e che le attenzioni puntate su di loro erano più che giustificate. In questo post riporto solo i 4 pezzi dei FS, perchè francamente degli Squae One non me ne frega ninete! Friday Star, che gruppo immenso. (2002 - Ammonia / Redhead)


Questo "Split Ep" (coprodotto da Ammonia Records) e’ il primo e vero proprio disco per RedHair Records , che parte subito con il piede giusto…
I primi quattro brani sono dei Friday Star, tre ragazzi romani, mentre completano il disco i pezzi dei belgi Square One. I due gruppi offrono un emo/punk di differente stampo; i primi hanno forti tendenze emo (soprattutto in "Far From Home" o "She vs. the World"), mentre i secondi propongono un punk sicuramente piu’ veloce e tirato.
I Friday Star non potranno che far contenti gli appassionati di gruppi come New Found Glory e Get Up Kids, proponendo quattro pezzi tutti ben suonati e molto interessanti, ognuno con spunti e sonorita’ diverse.
Mentre con l’iniziale "Far from home (close to you)" si parte subito decisi, veloci e melodici quanto basta si rallenta un po’ il ritmo con la melodicissima "Northstar".
La successiva "She vs. the World" non sfigurebbe in un album di qualche gruppo punk d’oltreaceano, cosi’ come la conclusiva "Healing Blues" che parte lenta, con la voce filtrata, per poi crescere ed esplodere in un bellissimo ritornello, confermando ancora una volta le ottime doti di songwriting dei Friday Star! (http://www.rockon.it/813/)

Si sente spesso dire che la scena punk/hardcore romana sia una delle più prolifiche e da tenere sott’occhio della nazione.
Nulla di più esatto!
Realtà come Die!, Vanilla Sky, Here to Stay e i Friday Star si stanno facendo strada nel panorama underground italiano.
Soprattutto i Friday Star si stanno facendo notare come uno dei gruppi emo-pop-punk più importanti d’Italia,insieme ai bravissimi Forty Winks.
Infatti i tre romani dopo un bellissimo demo autoprodotto,si sono affacciati sul mercato nazionale con un’Ep, anzi con un Ep condiviso con i belgi Square One.
Questo ep mette in mostra due band che hanno tutte e due a che fare con l’emo,ma non solo (soprattutto gli Square One,che preferiscono anche l’hardcore melodico).
Partenza a razzo per i capitolini con una bruciante e veloce Far from home (close to you) e già sì capisce che i Friday sono uno di quei gruppi che si attengono molto a quegli emo-cliche che l’emo pop-punk ha ormai radicati nella sua natura (stelline sparse per la copertina e l’artwork, testi per punkers dal cuore infranto e molto adolescenziali) ma dopotutto in Italia non lo avevamo mica un gruppo così… Si passa poi alla romanticissima Northstar e comincio ad intuire che se fossero nati negli Usa questi tre già ce li saremmo trovati su tutte le copertine dei giornali per quanto sono bravi (anche se non capisco come riescano a riproporre dal vivo le stesse sonorità del disco,avendo un solo chitarrista (e anche ottimo cantante) e il suono di due chitarre nelle tracce (comunque dal vivo spaccano)).
A seguire la punkettosa She vs the world troviamo l’emozionante Healing Blues che,con il suo avvio acustico dichiara che il turno dei Friday Star è definitivamente concluso (a meno che non mandiate indietro le tracce per risentirlo di nuovo,vi giuro che accadrà sicuramente) e possono uscirne a pieni voti. (Fat Emokid - http://www.emotionalbreakdown.com/)

- Far From Home (Close To You)
- Northstar
- She Vs. The World
- Healing Blues


FRIDAY STAR

Nessun commento:

Posta un commento