mercoledì 29 settembre 2010

Bawl "Year Zero"



I fratelli Cullen, dall'Irlanda con furore, avevano sfornato una serie di singoli davvero intriganti, paragoni forse azzardati con gli Smiths, ma c'è da dire che il loro guitar pop aveva delle linee melodice decisamente vincenti.
Dopo tanta preparazione e dopo aver ben seminato, ecco il momento del raccolto: il primo disco dei Bawl. Peccato che in termini di vendite il disco non colpì nel segno.
Tutto il buono che si era sentito nei singoli trova in questo lavoro una magnifica conferma, toccando vette altissime in pezzi come Shallow, di rara intensità o l'esplosione di Ex Boyfriend. Ma è proprio la freschezza e l'esuberanza giovanile a farla da padrone in questo disco, bellissimo a mio avviso.
Se non sbaglio vennerò pure in Italia, aprendo un concerto di Babybird. Grande rimpianto di non essere stato presente!
Dopo questo disco ci fu il cambio di nome in Fixed Stars, ma anche qui le cose non andaro tanto bene. (1996 Dependent Records)

- Approaching Zero (Intro)
- Older & Older
- My Spine Hurts
- Beyond Safe Ways
- Mistake
- Shallow
- Sticky Rock
- Fake It
- Ex-Boyfriend
- Mechanic From Rhyll
- Girls = Songs
- Unfinished
- Some People Need Others
- He's All Thats Great About Pop



BAWL

Nessun commento:

Posta un commento