domenica 10 aprile 2011

Cyclefly "Crave"



Adoravo il primo disco di questa formazione. Purtroppo la magia non si ripeto con questo secondo disco.
Le idee buone si perdono nel mare di cose scontate e senza mordente che invece abbondano.
Peccato (2002 MCA)

Seconda uscita per gli irlandesi (ma con componenti di origine italiana e francese) Cyclefly, dopo “Generation sap” del ’99, il secondo capitolo si intitola “Crave” e non è il primo esempio proveniente dalle “British Isles” di un certo rock che potremmo definire “new” ma non “nu”.
Dopo un avvio notevole e concitato imbastito dalle corpose chitarre di NoNo Presta e Ciaran O’Shea, ricamato dalla penetrante voce di Declan O’Shea e costituito da “No stress” (insaporita da tenui effetti elettronici) e da “Karma killer” (con guest vocals di Chester Bennington dei Linkin Park che si dichiara loro grande fan) si apre una lunga parentesi dai toni particolarmente melodici e smorzati: il variegato campionario di ballate va da “Selophane fixtures” (con cui potremmo accostare i Cyclefly a Smashing Pumpkins e Placebo) alla catartica “Drive” passando per la raffinata tranquillità della title-track “Crave”.
Il basso di Christian Montagne e una base drum’n’bass costruiscono la successiva “Crowns”, mentre si nota un manifesto sapore brit-rock in “Lost opinion”; metodico cambio di stile con la soave ballad quasi blues “King for a day” (un omaggio ai Faith No More?); si riparte con “Fallen wishes”, un pezzo alla Bush (la band di Gavin Rossdale, non George W.!) con un buon assolo di chitarra nel finale e con “Bulletproof” (con un riff “rubato” ai Garbage), onesta rock song che si colloca però un gradino sotto il livello qualitativo espresso nell’insieme da questo album.
Declan ci racconta le tristi “Tales from the fishbowl” in una canzone dalla doppia anima melanconica e aspramente abrasiva ben supportata dal suono di archi e organi. Completano questa “special edition” di “Crave” due dicotomiche bonus tracks: la rockeggiante “Weary” e l’acustica “Accidental ornaments”.
“Crave” passa l’esame senza affanno offrendoci una band, i Cyclefly, dal sound elegante e sufficientemente originale ma con un’arma a doppio taglio rappresentata dalla voce pressoché unica di Declan O’Shea, mix impensabile tra Perry Farrell, Sid Vicious ed Alvin dei Chipmunks, spesso gracchiante e indelicata che può, rischiosamente, risultare a tratti poco sopportabile se non sgradevole… (Silvio52 - http://www.groovebox.it/)

The second outing by Ireland's Cyclefly finds them putting further distance between themselves and the rap-metal and alterna-rock treadmills, embracing a downright '80s melodic sense and dramatic scale.
Even the lyrics from the opening "No Stress" (I can't hide my frustration / I don't like generation / We don't need your limitations") suggest that this is a band significantly less interested in fashionably reinventing the wheel than it is grounding itself in a little powerful history.
Singer Declan O'Shea has drawn comparisons with alternative touchstones Iggy Pop and Perry Farrell, but his expressive, riveting vocals actually seem inspired by more wildly disparate sources, variously recalling Rush's Geddy Lee ("Selophane Fixtures") and the Psychedelic Furs' Richard Butler (the rhythmic, low-key impressionism of the title track and the edgy, entrancing "Crowns").
The twin guitars of Declan's brother Ciaran and Nono Presta are powerful underpinnings throughout, whether grinding out stereotypical buzz-saw chords or the more lyrical riffing of the anthemic "Drive."
But while it's refreshing to find a young band savvy enough to realize that a quarter century of punk rock has spawned its own considerable body of tired clichés, Cyclefly occasionally plays it a little too familiar when spreading their songwriting wings. Still, it's hard to argue with results that immediately grab a listener's attention and keep it so masterfully.
This is the sound of a great young band still finding its voice--and a far cry from the sophomore slump. (Jerry McCulley - http://www.amazon.com/)

- No Stress
- Karma Killer
- Selophane Fixtures
- Crave
- Drive
- Crowns
- Lost Opinion
- King For A Day
- Fallen Wishes
- Bulletproof
- Tales From The Fishbowl
- Weary
- Accidental Ornaments

CYCLEFLY

Nessun commento:

Posta un commento