mercoledì 11 gennaio 2012

Coldplay "I primi singoli"




L'ultimo disco dei Coldplay mette tristezza.
Ma non sto parlando di tristezza per una decisa virata al pop da classifica "made in MTV" o per collaborazioni francamente discutibili, no, parlo di tristezza compositiva.
Idee semplici semplici, banali viene da dire, messe li a uso e consumo di un nulla musicale terrificante. Canzonette piuttosto brutte, per dirla chiaramente.
Per quanto mi riguarda i Coldplay sono durati un disco, il primo.
Me li sono visti crescere piano piano con i singoli preparatori di un esordio bellissimo e intenso, che avrò ascoltato chissà quante volte. Poi già con il secondo disco hanno mostrato crepete inaspettante, imboccando la via del dinosauriato musicale.
Da li, buonanotte anche ai Coldplay.
Ma come dimenticare qual primo concerto per pochi intimi al Castello di Villafranca, vicino a Verona, quando ancora erano sconosciuti e un Chris Martin timido e riservato che prometteva di tornare presto davanti a un pubblico più importante: un cantante così diverso dalla rana saltellante e blaterante noiosità assortite dei tour successivi.
Sta di fatto che, per disintossicarsi dall'ultima porcheria ho pensto fosse bello fare un bagno alla fonte primordiale, ricordando un pò dove e come tutto iniziò, spero faccia piacere, anche perchè il mio blog è principalmente destinato a gruppi ora scomparsi, ma in questo caso faccio volentieri una cosa fuori schema, perchè una volta i Coldplay erano un grande gruppo!


Safety ep (1998)
- Bigger Stronger
- No More Keeping My Feet on the Ground
- Such a Rush

Brothers & Sisters (1999 Fierce Panda)
- Brothers & Sisters
- Easy to Please
- Only Superstition

- Ode To Deodorant (1998 double A-side demo cassette)
- Brothers & Sisters (demo)

SAFETY EP

BROTHERS & SISTERS

ODE TO DEODORANT

5 commenti:

  1. Condivido pienamente... probabilmente colpa dell'inaspettata popolarità=successo=soldi...

    RispondiElimina
  2. Non credo siano mai stati un grande gruppo, ma Parachutes mi piaceva tantissimo. "Mylo Xyloto" è imbarazzante.

    RispondiElimina
  3. Condivido tutti i vostri commenti.
    Ero un grande fan dei coldplay, ma mylo xyloto ha messo in luce la volontà del gruppo di rendere più commerciali le loro canzoni... Mylo Xyloto è un pastone audio con copertina colorata, come se gli album si scegliessero per la loro appariscenza sugli scaffali.

    TSK

    RispondiElimina
  4. Io non sono d'accordo. Parachutes è un bel disco ma "A rush of blood.." per me è un capolavoro assoluto, splendido tutto con una profondità e delle sfumature che il primo non aveva, bello ma molto acerbo. Ho trovato del bello anche in "X & Y" e in un paio di pezzi di "Viva la vida" (Strawberry swing e Cemeteries of London), ma niente più. L'ultimo non piace nemmeno a me..

    RispondiElimina