sabato 24 marzo 2012

Radiohead "Drill Ep"






I Radiohead per me rappresentano la testimonianza di come sia facile passare dall'amore all'odio. Ma odio vero e proprio.
Sembra impossibile che qualcosa (o qualcuno) che abbiamo tanto caro poi nel giro di qualche tempo ci diventi insopportabile e odioso. Succede con degli oggetti, con delle persone, e nel mio caso con un gruppo musicale.
Ho adorato i Radiohead dei primi due dischi: vivi, intensi, vibranti, esplosivi. Un concentrato di esuberanza e struggimento. Poi il cambio di rotta di Ok Computer, che per me alterna cose magnifiche a pezzi che non riesco letteralmente a sentire e poi buonanotte, i Radiohead diventano ufficialmente un nuovo gruppo e con me hanno chiuso.
Ora non li sopporto più, non li posso proprio vedere, quell'aria da sapientoni del pop, con i loro trucchetti di vendite che sembra che risparmi e invece paghi uguale se non di più, con ste nenie funebri tra elettronica ed indie rock di miserrima fattura che non vanno da nessuna parte e annoiano già dopo 20 secondi e i gemiti del sempre più brutto Thom.
Sono gusti ovviamente, c'è chi li apprezza ora più che mai, chi li segue da una vita e non li può mollare perchè...ehi, ma sono sempre i Radiohead, chi come me li schifa e chi dice, beh, ora sono diversi e mi piacciono anche così però speriamo che dal vivo ne facciano tante da The Bends.
Io mi tengo stretto il mio live (pazzesco!) al Propaganda di Milano nel tour di The Bends, la foto e la chiacchierata con Thom, il tour di Ok Computer con gli show sotto il palco tra me e Vanoli (il finto caffè durante Paranoid Android è già storia!) e Ed O'Brien che ci saluta visto che urlavamo il suo nome come dei pazzi.
Poi stop. I Radiohead finiscono li. Al loro posto arriverà un gruppo con lo stesso nome e gli stessi muscicisti che però mi fa veramente schifo.
Sul blog ho deciso, in onore dei bei tempi che furono, di mettere l'esordio del gruppo, questo ep con 4 versioni demo di questi pezzi. 20 anni fa....c'è chi cresce e invecchia bene, chi invece invecchia proprio male! (1992 Parlophone Records)


- Prove Yourself
- Stupid Car
- You
- Thinking About You



RADIOHEAD

3 commenti:

  1. bello sentire una voce fuori dal coro della beatificazione dei radiohead post okcomputer, che per me resta il loro vertice compositivo; poi il buio anche per me.
    saluti
    gianni

    RispondiElimina
  2. che dirti Ricky? lo sappiamo benissimo, i Radiohead sono la nostra pietra della discordia! nel senso che io mi riconosco in quelli che amano la band, apprezzata tantissimo nella svolta elettronica e capace ancora di emozionarmi, seppur con suoni diversi. Certo, in un live attendo con ansia anche i pezzi vecchi, ci mancherebbe, siamo cresciuti con quelli e ci hanno esaltato, fatto sognare, come nello splendido, indimenticabile concerto che hai citato tu, dove io e te abbiamo dato spettacolo e abbiamo fissato con Ed uno di quei momenti che ci legheranno per sempre (diciamo pure, uno di quei momenti di geniale follia, con tutti assorti a cantare e dondolarsi durante i vocalizzi di Thom e noi due a mimarci a distanza un caffè per il povero chitarrista inerme! Momenti magici, come quelli che ancora, nonostante i notevoli cambiamenti, riescono a regalarmi i Radiohead. Certo, il tuo odio forte e viscerale deriva proprio dall'immenso amore che c'è stato prima, è intriso di rabbia e delusione e il tuo giudizio, seppur spietato, è rispettabile

    RispondiElimina
  3. riascoltavo proprio ieri "pablo honey". e ho ascoltato migliaia di volte "the bends". gli altri anche io non riesco proprio a digerirli...
    alberto

    RispondiElimina