sabato 28 aprile 2012

Suede "The Black Sessions"




Eh...come passa il tempo. Chissà che emozione per Richard Oakes (classe 1976) essere li, a suonare con i propri idoli, prendere il posto del talentuoso Bernard e iniziare un percorso che lo avrebbe portato sui palchi di mezzo mondo a suonare e a comporre con i Suede.
Qui siamo nell'ottobre del 1994 a Parigi, nella classica Black Sessions, che seguiva quella del 1993 e che sarà triplicata solo nel 1999.
Svettano i pezzi del secondo disco, anche se quella clamorosa He's Dead alla fine, beh, fa venire veramenbte i brividi! (1994)


-  This Hollywood Life       
-  We Are The Pigs       
-  Heroine       
-  The Wild Ones       
-  Killing Of A Flash Boy       
-  The Asphalt World       
-  New Generation       
-  Still Life       
-  He's Dead

SUEDE

Data Panik "Cubis (I Love You)"





Potremmo chiamarli i Bis 2.0 o i Bis parte 2.
Sta di fatto che i protagonisti di quello splendido gruppo si ritrovano tutti sotto il nome di Data Panik, con giusto un paio di aggiunte, ma purtroppo il sogno durerà molto poco. Giusto il tempo di un paio di singoli e qualche concerto, ma poi ecco lo scioglimento.
I Bis sono e rimarranno sempre e solo i Bis, e un seguito con altro nome non era credibile o quantomeno non è mai decollato veramente.
Sta di fatto che il divertimento pareva essere assicurato anche qui...(2005)

- Cubis (I Love You)
- Sense Not Sense


DATA PANIK

lunedì 23 aprile 2012

Supergrass "I Should Coco"








Beh, accidenti, adesso che si sono sciolti posso anche metterlo su questo disco sul mio blog, fino a quando qualche fantomatica associazione mi manderà la solita mail minatoria che lo devo togliere al più presto o mi cancellano tutto il blog.
Vabbè, se un giorno non mi troverete più avete capito il perchè, magari mi sono dimenticato di togliere un disco e mi hanno fatto cancellato tutto il lavoro.
Sta di fatto che prima dell' Apocalisse, io sono qui a ricordare questo disco che all'epoca fu un fulmine a ciel sereno: che scarica di adrenalina, che colpo nello stomaco...insomma WOW!
Pop bruciante, scanzonato, ironico, divertente; erano i Supergrass che all'esordio piazzavano un colpo da novanta e non solo nei singoli che rimarranno nella storia del pop, ma proprio in tutto il disco completo.
Trascinati da ritornelli clamorosi i tre arrivarono a toccare vette altissime, anche dal punto di cvista delle vendite! Respiriamo a fondo quest'aria magnifica dai! (1995 Parlophone)

1.I'd Like To Know
2.Caught By The Fuzz
3.Mansize Rooster
4.Alright
5.Lose It
6.Lenny
7.Strange Ones
8.Sitting Up Straight
9.She's So Loose
10.We're Not Supposed To
11.Time
12.Sofa
13.Time To Go

SUPERGRASS

Boy Kill Boy "Stars and The Sea"



Ci riprovano i Boy Kill Boy e sebbene il disco non sia male, stavolta le cose non funzionano a dovere e la festa finisce presto.
Magari meno immediato che il primo lavoro, l'album presenta comunque della carte molto buone che però non fanno mai vincere la mano: strappano sorrisi, qualche complimento, ma, nel duro mondo del pop ormai questo non basta più! (2008 Mercury)


Throughout Stars And The Sea, the second album from ever-ascending East London four-piece Boy Kill Boy, you'll be forgiven for scratching your head once or twice. It's safe to assume a sizeable chunk of listening time will be appointed to pondering where you might already know a number of tracks from. Did you hear Rosie's On Fire in a club somewhere? Is Loud & Clear a cover?
It's difficult to pinpoint a single track on Stars And The Sea that doesn't carry a certain familiarity. Not that this implies a lack of originality – rather, the proficiency to craft a killer ohrwurm. Meaty, potent hooks dominate this album, demonstrating that Boy Kill Boy have a collective ear for an almighty melody.
It's a somewhat shinier, less jagged affair than Civilian, though the album does gather a degree of pleasing spikiness as it progresses. Not that they're taking a Funeral For A Friend approach to proceedings and going as far as crafting albums for the Mother's Day 2009 market, but Stars And The Sea conveys a particular roundness not previously adopted.
As an album, it feels noticeably more thought-out than their preceding material, but crucially, not over-polished. Evidently, a wealth of newly-acquired experience has been liberally poured into the record, and it pays off significantly, making for a hugely agreeable – yet still gritty and inventive – sound.
If Civilian was the launchpad to turn the heads of an appropriate few, then Stars & The Sea is the tool to thrust them onto many an MP3 player. Of course, it's unfeasible that such a contrived strategy had any part here, given the earnestness and the command of the music itself. If nothing else, it's the mark of a band finally ready for the big time.(Al Fox -  www.bbc.co.uk)

"Damned if you do, damned if I don't" sings Chris Peck on the closing 'Two Souls', and that eight-word couplet just about sums up Boy Kill Boy.
Their brief dalliance with fame came off the back of the mid-noughties resurgence of Britpop, but only the real movers and shakers have since remained in the spotlight, leading the coattail clingers and bandwagon jumpers either back to the drawing board or on a one-way trip to oblivion. Or, in some cases, both.
For Boy Kill Boy, Stars And The Sea really is their make or break record. Debut album Civilian may have sold well initially, but critical indifference and a lack of quality material at the time seemed to relegate the band to also-ran status before they'd even had chance to check the spikes on their running shoes, let alone leave the starting blocks. Their legacy is not so much forgotten, then, but was never really signed or sealed in the first place.
So, with their record contract undoubtedly hanging in the balance, Mercury packed them off to LA in the capable hands of celebrated producer Dave Sardy and, to be fair, he hasn't done a bad job with Stars And The Sea.
Although lacking a killer single like 'Suzie' or 'Civil Sin' - the album's leading singles 'No Conversation' and 'Promises' are arguably among the weakest tracks here, so nil points for whoever chose to unleash these on an already disparaging public - Stars And The Sea actually works better as an album than its predecessor. Where Civilian was obviously thrown together to cash in on the band's minimal success, this has a structure and flow that at least works in the context of what it’s supposed to. Granted, there are a few moments where the skip button comes in handy, but these are few and far between in comparison to their debut.
The biggest criticism with Stars And The Sea is that at least a third of the songs on it are almost instantly forgettable within 30 seconds of fading out, and at times you'd be hard-pushed trying to convince anyone why they should purchase a record such as this over any number of artists genuinely trying to push themselves over and beyond their personal creative boundaries.
Its saving grace however, is the fact that Boy Kill Boy do know how to knock out the odd incessant tune from time to time, and in 'Ready To Go', 'Be Somebody' and 'Pen And Ink' they've spent their time away from the limelight constructively, so much so that these three perky gems rank up there as possibly their best works to date.
Whether that will save them from the almost inevitable contractual cull is debatable, but at least that legacy may contain more than just one top twenty placing, several question marks and half a side of A4's worth of blank space. (Dom Gourlay - http://drownedinsound.com/)

- Promises    
- No Conversation     
- Be Somebody    
- Loud & Clear      
- Paris   
- A OK    
- Ready To Go      
- Rosie's On Fire     
- Kidda Kidda   

- Pen & Ink     
- Two Souls

 


BOY KILL BOY

The Kill Van Kulls "Songs For Sinners EP"



Di solito non metto comunicati stampa sul mio blog, che come sapete si occupa della musica del tempo che fu, però in certi casi faccio volentieri uno strappo alla regola.
In questo caso sia perchè stimo molto i Kill Van Kulls, li ho anche intervistati e posso dire che li ho visti crescere.
Non hanno mai deluso le attese e si stanno muovendo piano e bene, deliziandoci con delle perle sonore incantevoli.
Ecco quindi che non potevo non segnalare l'uscita di questo nuovo ep, che potete sentire al rimando qui sotto: 


Sono senza parole. 4 pezzi magnifici che mi rimandano ai primi Simple Minds, capacità melodica altissima e riverberi anni '80 di pregevole fattura.
Insomma...occhio che questi faranno il botto!!
Aloha.


 'SONGS FOR SINNERS’ EP
Released 23rd April 2012

"Full of moody drama, melancholic lyrics, and soaring, sonic melodies, The Kill Van Kulls’ brightly textured electro-pop is loaded with copious amounts of world-weary, digital appeal for today’s emotionally high-strung cyber-youth." My Old Kentucky Blog

“’Impossible Man’ is gigantic, anthemic, alternative rock at its strongest level… we realize how special this is.” Hand Clap Movement

“Their set has Top 10 potential written all over it." The Fly

“A band that exist at a tantalizingly heady intersection of Peter Gabriel, Doves, and
early Simple Minds.” XFM

“’Fools Wish’ is a wonderfully crafted piece of pop heaven.” Pop in Stereo

“If you’re a fan of Hurts, Wolf Gang, and all things 80s, I’m willing to bet you’ll
love the Kill Van Kulls.” I Think I Love It.com

Manchester's The Kill Van Kulls are set to release the 'Songs for Sinners EP' on 23rd April 2012.

In 2011 The Kill Van Kulls offered a taste of their ambitious songwriting with two single releases. Super limited 7" 'Fools Wish' was picked up by blogs such as Wounded Jukebox, My Old Kentucky Blog and Audioporn. The follow up, 'Lost and Found', was named Spinner MP3 of the day, received 4 weeks MTV Rocks playlist support, as well as picking up mentions in NME and The Fly.
The band are very hands in the recording process and recently crafted a DIY recording space at their studio in Stockport. Keen to develop their production skills, The Kill Van Kulls have remixed The Rapture, Icona Pop and Kyla La Grange amongst others. Stream the MP3s here - http://soundcloud.com/thekillvankulls
The 'Songs For Sinners EP' track listing features the euphoric 'Impossible Man' - the performance from Reading Festival was broadcast on BBC3 as part of their live coverage - as well as three brand new songs. The EP is set for release on 23rd April 2012.

The band will be playing the following dates:

Fri 20th Apr: London, Fan The Fire @ Old Blue Last (free entry)
Sat 19th May: Liverpool Sound City
Thu 24th May: London, Surya w/ The Blood Arm

For music and more information check:

www.thekillvankulls.tumblr.com
www.facebook.com/thekillvankulls



domenica 22 aprile 2012

Marion: la recensione del live!


Vi metto qui sotto il link della mia recensione del live dei Marion che ho scritto per Indie-Rock.it. Confesso che ero proprio emozionato nello scriverla...mi sembrava quasi di essere tornato a metà degli anni '90. Bentornati!

RECENSIONE MARION

sabato 21 aprile 2012

Heartbreaks e varie....

Ormai imminente l'uscita del primo disco degli Heartbreaks.
Diciamo pure che sto contando i giorni.
Perchè? Beh, se il singolo qui sotto detta la strada maestra, allora prepariamoci a qualcosa di pazzesco.
Probabilmente una delle migliori guitar pop song che abbia mai sentito.
"Delay, Delay" rappresenta assolutamente quello che per me è il Brit Pop: melodia clamorosa, esuberanza giovanile, solarità, freschezza, cuore e piede che battono insieme....insomma è la musica che io amo.
Grazie Heartbreaks!!

....vi ho fatto venire voglia di sentire questo singolo? Ecco il video qui sotto...



Nel frattempo è uscito il live dei Marion e anche qui le emozioni sono immense. Perchè in questo caso non c'è solo la musica, ma anche la vitoria umana di Jaime contro i suoi fantasmi, contro il mostro della droga che aveva sfasciato il gruppo tanti anni fa.
Tornano con la grinta di un tempo, con il profumo di una ritrovata unità e voglia di fare che inebria anche noi.
Commuove per la simpatia il disco degli All The Young, che faranno anche i duri nelle immagini del cd, ma poi in realtà sono come degli scolaretti impegnati a fare tanto bene il loro compitino, che è quello di riportare in auge il guitar pop degli anni novanta, tipico di formazioni come i Northern Uproar tanto per capiri.
Un disco fuori dal tempo, nostalgico se vogliamo e per questo decisamente gustoso.
Impossibile non citare fra i miei ascolti del momento il grande Gerard Lowe, che fa uscire un disco a nome Lightships.
Incantevole e delicato, il pop come deve esserre fatto da uno che ne ha fatto la storia con i Teenage Fanclub!
Chiudo con le odi per Lissy Trullie che mi riporta agli anni di Blondie, Pretenders, new wave e un pizzico di post punk. Carica, grintosa, con soluzioni melodiche di un passato che non vorremo mai fosse dimenticato. Un disco che sto veramente consumando!
Cito giusto questi tra i cento dischi che sto ascoltando in sto perido...tanto per cambiare!
Alle prossime...

martedì 17 aprile 2012

Black Sessions: "The Sundays"







Potremmo mai non amare i Sundays?
Noi li amiamo, li veneriamo e dovremmo sentire questo live targato Black Session in religioso silenzio e pure in ginocchio.
Incantevoli. Difficile trovare altre parole per loro.
Mi mancano!


THE SUNDAYS

Manda Rin "My Dna"






Ed eccolo qui il disco solista della cara Amanda. Elettro pop sempre molto divertente e con i classici riferimenti anni '80 tanto adorati dalla fanciulla e da noi, adoratori di Amanda!
Meno chitarre ovviamente rispetto ai Bis, ma sempre quel tiro ballabile e intraprendente che Amanda non ha mai smesso di avere fin dagli esordi con il gruppo.
Buon ascolto!! (2008 This Is Fake DIY)


When your music leans on the power of your youth, it's impossible to age gracefully without undergoing a reinvention. When Glasgow's Bis laid down their "Teen-C Revolution" manifesto in the mid-1990s, a vague but confrontational screed against fascists, homophobes, and adults, they put an expiration date on their band. But if their lyrics hadn't made it explicit, their music-- a mix of playground taunts, synths, and guitars-- would have spoken the same manifesto. You can trace a crayon line from Bis to young, shouting, dancing bands like the Gossip and Los Campesinos!
And so, a decade and a half years later, and on her first solo record, Bis singer and keyboard player Amanda MacKinnon (still using her Bis stage name Manda Rin) finds herself trying to catch up to bands that were, no doubt, influenced by Bis. She experiments with variations on the bright, kandy pop that Bis perfected and finds a more nuanced form of rebellion, but she can't find the reinvention she needs.
Shedding the shackles of Bis probably sounds ridiculous when most Americans have probably never heard of the band. In America the band are best known for writing the end credits song to "The Powerpuff Girls". But in 1996, the band played "Top of the Pops" before they even had a record deal-- the first group ever to do so. They released three albums and numerous EPs on the Beastie Boys' Grand Royal label here and the Delgados' Chemikal Underground imprint in Europe-- and sold 100,000 copies of their debut album in Japan.
Straight off, it's easier to see her connections to Bis rather than her defection. MacKinnon is in cartoon form on My DNA' s cover, just as she was on many of Bis' EPs. But it shows her staring solemnly into a mirror at her real reflection, still wearing her trademark hair barrettes, but definitely looking more mature. On "Tell It to the Kids" Bis bragged that Manda Rin used her "childlike appearance" as a weapon-the My DNA cover shows her older and a bit defenseless.
My DNA tries on different variations of dance pop: disco, electro, even glassy Scandinavian dance. Sometimes these songs work: The title track's laserbeam keyboards and rubbery bassline are brash and fun enough to make up for Manda Rin's more subdued vocals. She's less relenting on "The Word Out", where her chants ("Did you ever write the perfect song/ Did you ever say sorry to who you should") serve as cheerleaders for the song's ripsaw guitars. Manda Rin reaches for icy pop princess sheen on "Love to Hate You". Her voice can't support the tension. It aims for delicate but comes off thin. While the new tonal and rhythmic palette betrays desire to branch out, the results show more courage, but less confidence than her material with Bis.
Bis were never subtle, but MacKinnon wants more nuance and less shouting on My DNA . She takes issue with issues like body acceptance ("Less Than Zero"), abuse ("Bruises") and relationships ("Break-Up/Breakdown"). But lines like "Boys say go/ Girls say no" ("Guilty Pleasure") are too flat to make their point. For an album about being comfortable with yourself, My DNA is still not sure what it should be. (Jessica Suarez - http://pitchfork.com/)

- DNA
- Typeface
- Bad Things Happen To Bad People
- Guilty Pleasure
- Do The Static
- The Word Out
- Break-Up / Breakdown
- Love To Hate You
- No Language
- Less Than Zero
- Black Book
- Bruises


MANDA RIN

lunedì 9 aprile 2012

Shed Seven "One Hand Clapping: The Unreleased Demos 2001-2003"


Io penso sempre che la carriera (in studio) degli Shed Seven si sia conclusa con questo disco. Che tutto sommato non è niente male.
Poi sappiamo hce sono ritornati in pista live e macinano concerti su concerti e date che vanno sold out in grande allegria. Ma per ora non mi pare ci sia l'intenzione di tornare in studio e buttare giù qualcosa di nuovo.
Quindi appunto, godiamoci questa disgnitosa ultima prova, che saranno anche demo, ma insomma, ci stiamo dentro alla grande!

- No One Wants To Know You When You're Down And Out
- Jeckly and Hyde
- Alarm Bells
- Some People
- A Love Song For A Mermaid
- I Got Music
- Sad Song #32
- Wake Up Dead
- Country Pub (Stay Til Morning)
- Pages
- Why Can't I Be You
- Hanging On The Outside
- No One Wants To Know You When You're Down And Out
- Love Song Land


SHED SEVEN

Boy Kill Boy "Civilian"








Piccoli Franz Ferdinand crescono, meglio, crescevano.
Facciamo un bel salto temporale in avanti nel tempo e dagli anni '90 passiamo alla seconda metà di quelli 2000.
Parevano ben avviati i Boy Kill Boy, anche in virtù di singoli niente male.
Il primo disco poteva mettere delle solide basi che poi purtroppo il secondo disco non riuscì a mantenere salde e tanti saluti.
Il suono è quel post punk sparato e ritmato, che a volte avvicina ai Franz, ma a volte rimanda anche a qualche clone dei Killers.
Ci resta comuqnue un esordio decisamente spigliato, con un buon tiro melodico e intuizioni (derivative, e vabbè) molto carine. (2006 Universal)


- Back Again
- On and On
- Suzie
- Six Minutes
- On My Own
- Ivy Parker
- Civil Sin
- Killer
- Friday - Friday
- Showdown
- Shoot Me Down/Exit


BOY KILL BOY

Bis "Disco Nation" & "Transmissions on the Teen-C Tip!"



I due primi 7" pollici dei favolosi Bis. Il primo della serie è transmission che ci mostrò un gruppo in piena esplosione creativa con il loro power pop elettronico, poi ecco la seconda uscita per la mitica Chemikal Underground.
Che bella la gioventù!

Disco Nation (1995 Chemikal Underground)

- School Disco
- Plastik People
- Conspiracy A Go-Go

BIS

Transmissions on the Teen-C Tip! (1995 Acuarela)

- Kill Yr Boyfriend
- Sci-fi Superstar
- Improved Neu! Formula
- Public School Boy
- Caustic Sofa


BIS

sabato 7 aprile 2012

James Iha è tornato! "Look To The Sky"






14 anni, ci sono voluti ben 14 anni prima di ritornare a parlare di un disco solista di James Iha, ma finalmente missione compiuta!
"Look To The Sky" è qui fra le mie mani, ed è già disco dell'anno!
Che volete farci? Me lo sentivo che anche stavola il nostro James non avrebbe deluso e così è stato.
No, non treverete il link nel mio post, ma solo una necessaria e sacrosanta recensione, che proprio ci tenevo a scrivere!
Ai posti di comando troviamo lui e Nathan Larson, marito di Nina Persson e titolare insieme alla moglie degli A Camp. I due suonano un pò di tutto e producono il disco.
Ovviamente gli ospiti non mancano e sarebbe lungo e noiso citarli tutti, ma forse il nome più altisonante è quello di Tom Verlaine, che presta la sua chitarra in due brani.
"Let It Come Down" era stato un disco sorprendente. L'abilità con cui James si era smarcato dai suoni dei Pumpkins per addentrarsi in un mondo fatto di gentilezze e romanticismo assortiti mi aveva stupito ed emozionato.
Chitarre gentili, arpeggi, folk, melodie struggenti e semplicità pop: ecco gli ingredienti di un disco bellissimo che finalmente trova un suo degno seguito.
Pubblicato per il momento solo in Giappone, l'album presenta nella seconda di copertina una foto di James che è in tutto e per tutto la versione attuale della cover del primo disco: il nostro ancora senza look assurdi o trucchi (e all'epoca trovarlo così al naturale faceva uno strano effetto, visto che eravamo abituati a vederlo piuttosto "stravagante" negli SP) che si fa fotografare alla luce del sole. Ecco il primo segnale della continuità con il lavoro precedente. Non immaginatevi quindi grossi cambiamenti e il primo pezzo del disco, 'Make Believe', con la sua educazione acustica (e il contro canto angelico di Nina Persson) è proprio li a rassicurarci, ma qualcosa di nuovo c'è, questo si.
A cominciare dall'uso di elettronica e tastiere, mai invasive o eccessive, ma in grado di impreziosire i pezzi, con arrangiamenti e suoni lievi e curati che si integrano alla perfezione con il guitar pop di James o addirittura capaci di sostenere intere canzoni, penso alle oniriche e vaporose 'Dark Star' o 'Waves'.
Fanno capolino anche suoni di chitarra più decisi e corposi, che rinforzano il singolo 'To Who Knows Where', dal sapore vagamente Cure, o la parte centrale della iper melodica 'Gemini' (probabilmente il ritornello più bello dell'intero disco).
Ma non stupitevi di trovare pure qualche (semplice) assolo.
Il punto di rottura del disco è decisamente 'Appetite', che parrebbe appartenere al repertorio di Tom Waits piuttosto che di James Iha con quel suo incedere greve e cadenzato con un piano che ogni tanto pare vada per conto suo, così come la chitarra di Tom Verlaine
Per il resto, il cielo che l'ex Smashing Pumpkins ci invita a guardare fin dal titolo del disco, è fatto di nuvole giocose che si rincorrono dolcemente nel sole o di un azzurro limpido e sereno, non c'è assolutamente pioggia all'orizzonte, anzi, l'invito è quello di lasciarsi cullare dalla chitarra acustica e da preziosi arrangiamenti d'archi e sognare sotto il cielo stellato di 'Dream Tonight'.
Palavo prima di guitar pop e James Iha ci porta letteralmente a scuola di questa preziosissima materia con un trittico decisamente avvincente: malinconico e avvolgente in 'Summer Days', solare e semplice in 'Till Next Tuesday' (che già apparteneva al repertorio di Vanessa and The O's, che vedeva lo stesso James in formazione, ma qui decisamente più sbarazzina), trascinate e contaggioso in 'Speed Of Love'. Avrete capito che si parla di una di quelle rare lezioni che si vorrebbe non terminassero mai!
Le tracce finali del disco (comprese le due bonus track, di cui cito la delicata 'Diamond Eyes' per qualità melodiche) rimandano direttamente ai suoni e ai profumi dell'esordio, che proprio un paio di mesi fa è stato ristampato e rimasterizzato con l'aggiunta di 4 bonus track.

Come dicevo per ora la pubblicazione è riservata al Giappone. Ovvio che per chi, come me, non poteva non pagare il tributo ci sono mille modi per comperarlo pur con questa limitazione. Quindi la mia esortazione è....vabbè, saremo solo ad aprile, ma...mica vorrete farvi scappare il disco dell'anno!! O no??!!

domenica 1 aprile 2012

Mercy Arms "Mercy Arms"






Il mio blog si rivolge per lo più a gruppi che hanno avuto vita e fortuna negli anni '90, ma ogni tanto faccio qualche bel salto temporale in avanti per parlare di gruppi quasi recenti o quantomeno degli anni 2000.
In questo caso vado a segnalare il disco degli australiani Mercy Arms, che nel 2008 pubblicarono un disco magnifico a dire poco.
Già la copertina la dice lunga, con quell'attitudine quasi alla Cure.
Riverberi alla MBV, melodie alla Smiths, il tutto miscelato con attitudine moderna e un batterista che sapeva veramente il fatto suo.
Disco d'esordio, usito dopo ep e singoli, che risulterà anche essera anche l'unico album, visto che l'anno dopo il gruppo si scioglierà.
Non bisogna che questo disco passi sotto silenzio! Se non li conoscevate, beh, preparatevi a fare un nuovo spazio tra i vostri gruppi preferiti, il nome Mercy Arms vi comparirà sicuramente! (2008 autoproduzione)

It’s easy to talk about the Mercy Arms image and forget about their music. Their penchant for elaborate fashions and a reel of constantly changing press photos has overshadowed music that failed to deliver on the promises we were spun.
For a while it seemed that the Sydney quartet were to be condemned to a similar fate bestowed upon many of their fellow harbourside-dwelling brethren like The Lost Valentinos, Ghostwood and Van She, all of who were flailing in a sea of exaggerated hype.
Perhaps it was a blessing in disguise that the silver spoon fell from the mouth of the Mercy Arms. Once signed to a multi-million dollar deal with Capitol, label reshuffling and the general shrinking of the industry claimed the band as a victim, and their record deal fell by the wayside.
With no one to help them, the Mercy Arms opted to go it independently, enlisting the help of the drug-addled, producer du jour of Australia post punk Tony Cohen to aid them in bringing their self-titled debut to fruition.
There’s nothing pretty about the Mercy Arms’ electric, self-titled offering. From Kirin J. Callinan’s trilled leads that slice like a rusty shiv through the reverb-drenched opener ‘Down Here, Too Long’ to Julian Sudek’s thunderous drums on ‘Speed’, nothing is overly polished in a mix that defies modern conventions. But that’s not to say that Mercy Arms isn’t a beautiful album. The songwriting skill evident on ‘Half Right’ and ‘Kilby’, a subtle ode to The Church, is evidence of the foundations that the Mercy Arms’ reputation has been built on.
Callinan is an antipodean Johnny Marr in Patrick Wolf’s clothing, while Thom Moors plays the part of Morrissey, a poetic and self-assured frontman. The Smiths are but one reference point of Mercy Arms, an album that owes as much to Cohen’s Eighties alumni as it does to one of the greatest ever exponents of reverb, My Bloody Valentine.
Housing only ten tracks, Mercy Arms demonstrates a band with a clear and concise vision. If there was ever a record to take the focus off Callinan’s flamboyant outfits, this would be it. (Dom Alessio - http://www.thevine.com.au)


- Down Here, So Long
- Half Right
- Footsteps
- To Me Now
- Kilby
- Speed
- Shine A Light Down
- Caroline
- Firing Line
- On & On

MERCY ARMS

The Seahorses "2nd Album"


Secondo disco, mai uscito,per i Seahorses di John Squire, che durante le registrazioni del disco però abbandonò il gruppo e quindi queste canzoni non si possono neanche definire completate, ma sono qualcosa di più di un demo.
Non ci sono grosse novità sul fronte musicale, nessuna canzone degna di tanta nota, ma neanche spazzatura, sicuramente qualche buona idea c'era, ma non grido al miracolo, chi già li apprezzava per l'esordio rimarrà ben felice! (1999)

- Night Train
- Anamorphosis
- 700 Horses
- Dolphin
- Something Tells Me
- What Can You See?
- Cocksucker Blues
- I Want You
- Tombraid
- Reach Out

THE SEAHORSES

Longpigs live


Concerto dei miei adorati Longpigs probabilmente registrato nel tour americano del 1997, quando in scaletta c'era anche Beyond Good and Evil, canzone che veniva eseguita live in quel periodo ma che poi non è mai stata realizzata in studio e inserita su album o singoli.
Non metto la scaletta, così è una sorpresa anche per voi!
Buon ascolto!!

LONGPIGS LIVE